La protesta di #Fridaysforfuture arriva a Bari: ragazzi in prima fila per l'ambiente

Ieri si è tenuta la quarta manifestazione del movimento che riprende la battaglia di Greta Thunberg, la 16enne svedese che da anni ogni venerdì manifesta davanti al Riksdag a Stoccolma

La manifestazione al Piccinni (Foto di Dario D'Aragone)

"Senza terra nessun popolo ha futuro", "The end is coming", "Marciamo ora o nuotiamo dopo". I cartelli esposti davanti al teatro Piccinni lanciano un messaggio per la salvaguardia ambientale, chiedendo la riduzione dell'uso della plastica e una politica di salvaguardia del verde pubblico. A tenerli sono giovanissimi volontari, colonna del movimento barese di 'Fridays for future'. Che, come suggerisce il nome, si incontrano di venerdì per manifestare il loro dissenso e chiedere alle amministrazioni di adottare una politica a favore dell'ambiente.

Fridays for future Bari 4-2

L'eredità di Greta

L'ultima protesta si è tenuta nella mattinata di ieri davanti al Teatro Piccinni. Una ventina i partecipanti, che - come per tutto il movimento #Fridaysforfuture - emula il coraggioso esempio di una giovanissima attivista svedese. Parliamo di Greta Thunberg, 16enne che da cinque anni porta avanti da sola la sua personale battaglia contro la distruzione dell'ambiente: ogni venerdì marina la scuola per fermarsi davanti al al Riksdag (il Parlamento) di Stoccolma ed esporre i cartelli con messaggi di speranza.

Anche grazie alla pervasività della rete, le sue azioni si sono diffuse in tutto il mondo. Tanto che il suo discorso tenuto a dicembre durante la Cop24 in Polonia, la Conferenza sul cambiamento climatico organizzata dalle Nazioni Unite, è diventato virale, raggiungendo milioni di visualizzazioni. Ecco perché il movimento #Fridaysforfuture è diventato virale, facendo nascere piccole 'costole' in tutti i Paesi, tra cui l'Italia.

Fridays for future Bari 5-2

La manifestazione internazionale

A Bari il movimento è nato a gennaio e quello dell'1 marzo è stato il quarto evento organizzato in città seguendo l'esempio di Greta. Movimento a cui naturalmente hanno fornito il supporto diverse associazioni ambientaliste sul territorio, come Greenpeace. Realtà di volontariato che saranno presenti il prossimo 15 marzo per la grande manifestazione organizzata a livello mondiale per rilanciare le tematiche ambientaliste nell'agenda dell'Italia e dell'Unione Europea.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da Bari il corteo di protesta avrà inizio in Piazza Diaz, per poi proseguire verso corso Vittorio Emanuele e concludersi davanti alla Prefettura.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' positivo al Covid ma va al lavoro al ristorante: scoperto 21enne, era in quarantena con l'intera famiglia

  • Il professor Lopalco ottimista sull'epidemia: "La prima ondata pandemica del covid-19 si è spenta"

  • Vieni a ballare in Puglia: verso la riapertura delle discoteche all'aperto

  • Riaprono le regioni, da domani via libera agli spostamenti: obbligo di segnalazione per chi arriva in Puglia

  • Coronavirus 'scomparso'? L'epidemiologo Lopalco: "Siamo in una fase di circolazione endemica, nessun terrorismo ma occorre attenzione"

  • Quattordici marittimi della Costa Crociere ricoverati per covid ad Acquaviva: "Tutti asintomatici"

Torna su
BariToday è in caricamento