Protesta animalista in via Sparano contro la mattanza di agnelli di Pasqua

Un'attivista è rimasta sdraiata per ore in una vaschetta gigante in segno di protesta contro la tradizionale mattanza di agnelli e capretti nel periodo pasquale

Protesta animalista ieri pomeriggio in via Sparano a Bari: alcuni attivisti dell'associazione Essere Animali hanno manifestato contro l'uccisione di capretti e agnelli che in nome della tradizione avviene ogni anno nelle settimane che precedono la Pasqua.

Un'attivista è rimasta sdraiata per un paio d'ore in una copia ingigantita di una vasca di polistirolo, di quelle utilizzate nei supermercati, con tanto di cellophane per coprirne il corpo.

Sopra il tutto un'etichetta adesiva, anch'essa in scala, con la scritta ben visibile "CRUDELTÀ IN VASCHETTA". Intorno a lei, una dozzina di attivisti con il cartello "Pasqua senza sangue".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    "Il tribunale di via Nazariantz non è agibile", il Comune revoca il certificato dopo la perizia tecnica

  • Cronaca

    Tra 'contropizzini', palloncini e canti i ragazzi del Libertà ricordano Falcone: "No alla Mafia, giorno dopo giorno"

  • Sport

    Deferimento Bari: udienza anticipata al 25 maggio. Rischio rinvio alto

  • Attualità

    "Assi di sviluppo" e un 'polmone verde' tra Japigia e la costa: il futuro del lungomare sud in un Concorso di idee

I più letti della settimana

  • A bordo della Ferrari si scontra con un furgone: incidente mortale a Palo del Colle

  • Un medico del Miulli è il miglior cardiologo d'Italia: Massimo Grimaldi vince i Top Doctor Awards

  • Quattro giorni dedicati al cibo di strada: a parco 2 Giugno torna 'Gnam'

  • Timbrava il cartellino, poi si allontanava dal posto di lavoro: arrestato medico al 'Di Venere'

  • Ragazzina violentata per oltre un anno e mezzo a Bari: due a processo

  • Parcheggio con 200 posti auto e nuova illuminazione: a fine giugno al via i lavori a San Giorgio

Torna su
BariToday è in caricamento