Sassaiola contro le finestre e porte incendiate, raid vandalico nella sede del Centro studi Torre di Nebbia

A darne notizia è l'associazione Altramurgia, attiva nella masseria Martucci, sulla provinciale Corato-Altamura. Distrutto martedì scorso anche un portone risalenti al 1831

Due porte incendiate, vetri delle finestre rotti dalla sassaiola. È il drammatico risultato del raid vandalico che ha colpito la sede del Centro studi Torre di Nebbia: masseria Martucci, antica struttura sulla strada provinciale 238 che collega Corato e Altamura. Ignoti si sono introdotti nel cortile esterno martedì scorso e hanno appiccato le fiamme ai due portoni in legno, "uno dei quali risalente al 1831" spiega dall'associazione Altramurgia, che su Facebook ha diffuso le immagini del raid.

41033333_1988305024560089_5965920959549407232_o-2

L'atto vandalico

Non solo, i vandali hanno poi preso a bersaglio i finestroni della masseria, danneggiando i vetri con il lancio di sassi. Ai proprietari non è rimasto che fare la conta dei danni, dopo essere intervenuti in tempo per fermare le fiamme prima che potessero distruggere del tutto l'antico stabile. "Negli anni abbiamo subito tre-quattro furti più o meno gravi - spiegano - ma non era mai accaduto che tali episodi fossero accompagnati da atti di vandalismo o, peggio, come risulta dall’ultimo caso, animati da volontà chiaramente ritorsiva".

Il centro studi

Il Centro Studi Torre di Nebbia nasce nell’autunno del 1988 con il progetto di costituire un Osservatorio Permanente sul territorio dell'Alta Murgia barese. Il primo obiettivo pratico è la creazione di un Parco Rurale dell’Alta Murgia. Tra le attività attualmente messe in campo ci sono la raccolta e archiviazione di materiali documentari ed iconografici e alla promozione di attività culturali e di ricerca al fine di creare occasioni di approfondimento e confronto sulle problematiche legate allo sviluppo locale ed alla salvaguardia del territorio delle aree interne, la divulgazione delle conoscenze e alla sensibilizzazione degli attori sociali attraverso varie tecniche di comunicazione compresa la formazione negli enti locali e nelle scuole e la produzione editoriale di materiali diversi inerenti il territorio dell’Alta Murgia e la promozione di iniziative e progetti legati a nuovi modelli di sviluppo socioeconomici eco-compatibili del territorio di concerto con le Pubbliche Amministrazioni locali, il mondo scientifico e della ricerca.

40940586_1988302674560324_8342627226885292032_o-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bari 'spartita' tra 11 clan, la mappa della malavita in città e in provincia: "Panorama in continua evoluzione"

  • Trema la terra nel Barese: scossa di terremoto ad Alberobello

  • Addio a Mimmo Lerario, scomparso lo storico chef del ristorante Ai 2 Ghiottoni

  • Sete da cammello e notte insonne dopo aver mangiato la pizza: perchè succede?

  • Traffico di droga, blitz della polizia: smantellata organizzazione transnazionale italo-albanese

  • Pos obbligatorio dal 2020 per tutti i commercianti italiani: come e quando munirsi per i pagamenti

Torna su
BariToday è in caricamento