Cappellino e pistola per l'assalto al 'money transfer': rapinatore bloccato dalla Polizia locale

Gli agenti lo hanno fermato mentre si accingeva a mettere a segno il colpo in un'agenzia di via Crisanzio. Sarebbe il responsabile anche di un altro assalto compiuto a Pasqua

Fazzoletto e cappellino per coprirsi il volto, con sè una pistola Beretta con matricola abrasa, completa di caricatore con cinque colpi. Così si preparava ad assaltare un centro "transfer" di via Crisanzio, angolo Sagarriga Visconti. I movimenti del rapinatore, però, non sono sfuggiti agli Agenti della Polizia Locale appostati nella zona che lo hanno bloccato e tratto in arresto in flagranza di reato sulla soglia dell'agenzia.

In manette è finito un cittadino georgiano. L'uomo era già ricercato dalle Forze di Polizia perché già identificato dagli agenti della Polizia locale quale autore di un'altra rapina a mano armata, compiuta il giorno di Pasqua scorso al "money transfer" di Piazza Moro vicino l'hotel Leon D'Oro, nella quale rimasero feriti il cassiere ed una dipendente della stessa Agenzia.

Video: le immagini dell'arresto

Dichiarato in stato di arresto per tentata rapina, porto abusivo di arma clandestina con matricola abrasa, resistenza a pubblici ufficiali ed inosservanza del Decreto di espulsione del 24 marzo 2018 del Questore di Foggia, oggi è stato tradotto nel carcere mandamentale a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carabiniere in auto con la cocaina, sorpreso dai colleghi durante un controllo: arrestato

  • Rapina finisce nel sangue a Bari: vittima si rifiuta di consegnare il denaro, accoltellato alla gola e alle gambe

  • Maxi operazione dei carabinieri tra Bari e Altamura: 50 arresti tra capi clan e affiliati, scacco matto ai D'Abramo-Sforza

  • Riecco Checco Zalone: ecco il manifesto di 'Tolo Tolo, il film al Cinema dal 1 gennaio 2020

  • Isabella, la Monica Bellucci di Molfetta che ha rubato il cuore all'ex tronista Francesco Monte: "E' speciale perché è normale"

  • Operazione antimafia nel Barese: 54 arresti e due anni di indagini, così è stato disarticolato il clan D'Abramo-Sforza

Torna su
BariToday è in caricamento