Rapina alle Poste di viale Lazio: fuga in tre sullo scooter dopo il colpo

E' accaduto intorno alle 9.30 al San Paolo: in due hanno fatto irruzione nell'ufficio postale armati di taglierino, poi messi in fuga da un carabiniere in borghese. Quindi si sono dileguati con un terzo complice, a bordo di un ciclomotore

Sono entrati in azione in due, armati di taglierino e con i volti coperti da maschere in silicone. Si sono diretti verso le casse, in due direzioni diverse, sotto gli occhi spaventati degli utenti che in quel momento - erano circa le 9.30 di questa mattina - si trovavano nell'ufficio postale di viale Lazio, al quartiere San Paolo.

L'azione dei malviventi, tuttavia, è stata interrotta dall'intervento di un carabiniere libero dal servizio, un brigadiere che si trovava in quel momento nell'ufficio postale e che ha cercato di bloccarli. I rapinatori, dopo aver minacciato il militare con il taglierino, hanno desistito, portando via solo alcune centinaia di euro che uno dei due era riuscito ad arraffare. 

Ad attenderli, fuori dall'ufficio postale, un terzo complice, con uno scooter, a bordo del quale i tre sono riusciti ad allontanarsi.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri della Compagnia di Bari San Paolo, che hanno acquisito i filmati delle telecamere di sorveglianza e stanno ascoltando i testimoni. Al lavoro anche il personale della Scientifica per i rilievi. Sul posto è giunta anche un'ambulanza del 118, ma non ci sono stati feriti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rapina finisce nel sangue a Bari: vittima si rifiuta di consegnare il denaro, accoltellato alla gola e alle gambe

  • Carabiniere in auto con la cocaina, sorpreso dai colleghi durante un controllo: arrestato

  • Maxi operazione dei carabinieri tra Bari e Altamura: 50 arresti tra capi clan e affiliati, scacco matto ai D'Abramo-Sforza

  • Sangue e lacrime sulle strade del Barese: vittime perlopiù giovanissime, per gli incidenti stradali si muore di più

  • Ramo si spezza per il forte vento e lo investe in pieno: un morto nel Barese

  • Operazione antimafia nel Barese: 54 arresti e due anni di indagini, così è stato disarticolato il clan D'Abramo-Sforza

Torna su
BariToday è in caricamento