Rapina la sala slot in cui era solito giocare, ma viene fermato dalla polizia: in manette 50enne incensurato

Il bottino è di circa 6500 euro. Inutile il tentativo di fuga, con l'arrestato che ha anche provato a investire uno degli agenti intervenuti

Il materiale sequestrato

Rapina aggravata, porto illecito di armi e resistenza a pubblico ufficiale: finisce in carcere con queste accuse un 50enne incensurato, trovato venerdì scorso dagli agenti della Sezione Contrasto al Crimine Diffuso della Squadra Mobile. L'uomo era uscito velocemente da una sala slot a Palese, per poi fuggire con un'auto parcheggiata nelle vicinanze.

A quel punto, quando gli agenti hanno realizzato che il 50enne aveva commesso una rapina, è scattato l'inseguimento. Il veicolo è stato ritrovato in viale Vittorio Veneto e inutili sono stati i tentativi di fuga dell'uomo, che ha anche provato a investire un agente e a speronare la loro vettura. Una volta bloccato, è stato perquisito: addosso aveva un grosso coltello e del denaro sottratto alla sala slot, circa 6.500 euro in contanti.

L’arrestato ha riconosciuto le proprie responsabilità, riferendo di essere affetto da gravi problemi di ludopatia che lo avrebbero spinto a rapinare le medesime sale slot ove aveva, in precedenza, perso i propri soldi. È stato quindi portato in carcere a Bari, mentre il denaro rubato è stato restituito al titolare della sala slot.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aggualto a colpi di pistola tra i vicoli di Triggiano: pregiudicato 36enne ferito

  • Bari 'spartita' tra 11 clan, la mappa della malavita in città e in provincia: "Panorama in continua evoluzione"

  • Trema la terra nel Barese: scossa di terremoto ad Alberobello

  • "Dove si colloca l'Iran nel globo?" E gli americani indicano la Puglia: i risultati (tutti da ridere) del sondaggio

  • Addio a Mimmo Lerario, scomparso lo storico chef del ristorante Ai 2 Ghiottoni

  • Traffico di droga, blitz della polizia: smantellata organizzazione transnazionale italo-albanese

Torna su
BariToday è in caricamento