Il mercato coperto della discordia a Palese, i residenti: "La struttura di via del Turco diventi uno spazio aggregatore"

Il Comitato di quartiere Palese zona 167 critica la proposta dell'assessore Galasso sull'area in stato di abbandono, che aveva parlato di una riqualificazione legata alle esigenze dei mercatali

"Leggere le parole dell'assessore ci ha lasciato basiti, ci era stata promessa una destinazione diversa per la struttura". C'è rabbia tra i residenti della zona 167 di Palese, dopo aver scoperto la volontà del Comune di utilizzare la struttura in ferro di via Leonardo del Turco primariamente per le esigenze del mercato coperto del martedì. Quando detto dal responsabile dell'Assessorato ai Lavori pubblici, come spiegano dal Comitato di quartiere Palese zona 167, infatti, non ricalcherebbe le finalità del concorso comunale 'Dieci li scegli tu'. Che appunto vede i residenti dei singoli municipi proporre idee per la riqualificazione delle strutture più votate, che poi serviranno come 'linee guida' per il bando di progettazione.

"Avevamo chiesto un centro di aggregazione"

E anche per le due opere più votate nel quinto Municipio - l'ex area mercato di via Del Turco, appunto, e il giardino antistante la Chiesa San Nicola a Catino - erano stati organizzati quattro laboratori partecipati nel quartiere. Che per la struttura realizzata dall'amministrazione Di Cagno Abbrescia si sono tenuti il 13 e il 17 aprile scorso nella sede della scuola Marco Polo: prima un sopralluogo in zona, poi due workshop in cui presentare le idee.

"Ci sarebbe piaciuto - spiega Giuseppe Scaglione, presidente del Comitato - realizzare un museo per bambini, visto che in zona stanno diversi plessi scolastici, tra cui quello della Collodi che è proprio di fronte alla struttura". Un progetto ispirato ad altri due strutture simili in Europa: l'Explora - Il museo dei bambini di Roma e il Copernicus Science centre di Varsavia, che propongo al loro interno attività di carattere ludico-educativo per i più piccoli. Proposta bocciata dalla Commissione del Comune chiamata a raccogliere le idee dei residenti, visto l'eccessivo costo di realizzazione.

incontro 10 li scegli tu-2

"A quel punto abbiamo virato su un centro di aggregazione - prosegue Scaglione - Sul territorio di Palese e Santo Spirito sono attive tante associazioni, che non hanno un posto in cui riunirsi. La struttura in ferro di via del Turco, se coperta nella parte alta, sarebbe adatta anche per ospitare una biblioteca interna e diventare un luogo di aggregazione aperto alla cittadinanza". Proposta che fu invece accolta dal team di esperti inviata dal Comune, poi la doccia fredda della possibile destinazione della struttura per le esigenze dei mercatali di via del Turco. "Speriamo - concludono i residenti - che l'assessore decida di tenere conto del progetto quando si deciderà come riqualificare la struttura. Noi siamo sempre aperti a dialogare, ma sarebbe più giusto che dopo tanti anni di inutilizzo, possa diventare un bene della comunità, non di esclusivo utilizzo dei mercatali".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violenta rissa a Bari, volano calci e pugni in strada: arrestati studente universitario e due trentenni

  • Scontri tra tifosi baresi e leccesi in autostrada a Cerignola: veicoli in fiamme

  • Donna trovata morta in casa a Bari: l'allarme lanciato dai parenti, era deceduta da un mese

  • Terribile incidente sulla strada per 'Gioia del Colle': tre morti, impatto tra due auto e un mezzo pesante

  • Spaventoso incidente sul lungomare di Bari: Lancia sbanda e travolge otto auto, 4 cassonetti e un cartellone pubblicitario

  • Il Miulli eccellenza della chirurgia cardiaca: unico centro pugliese a sperimentare il 'MitraClip' per la valvola mitrale

Torna su
BariToday è in caricamento