Carbonara, in un deposito ricambi e pezzi d'auto rubate: arrestato 44enne

L'uomo è stato sorpreso dalla polizia mentre caricava i pezzi a bordo di un autocarro: è accusato di ricettazione

Pezzi di ricambio, parti di motore e persino un bobcat sprovvisto di targa e numero di telaio. Il tutto custodito in alcuni locali nel quartiere Carbonara. A scoprire il 'deposito' dei ricambi di provenienza furtiva è stata la polizia, che ha arrestato un 44enne con l'accusa di ricettazione.

VIDEO: LE IMMAGINI DEL DEPOSITO

L'uomo, Michele Ribatti, con precedenti, è stato sorpreso dagli agenti mentre caricava parti di veicoli su un autocarro, privo di autorizzazione commerciale, senza  essere in grado di fornire spiegazioni in merito alla provenienza della merce.

I successivi controlli hanno consentito di rinvenire e sequestrare numerosi ricambi auto di varie marche, parti di motore di veicoli risultati compendio di furto, per un peso complessivo di circa 100 quintali.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      San Nicola, "angeli danzanti" tra cielo e terra: presentato il Corteo storico 2017

    • Cronaca

      Perseguita, minaccia e ricatta la ex: 51enne in manette

    • Cronaca

      Ricatto con richiesta di danaro, presa coppia barese nel Tarantino

    • Cronaca

      San Giacomo, intesa tra Comune e costruttori: "Palazzi 'spostati', meno consumo di suolo"

    I più letti della settimana

    • Sparatoria al San Paolo: ucciso dipendente Amiu Michele Amedeo

    • Sorpresi con armi cariche e giubbotti antiproiettile, tre arresti a Japigia: "Pronti a far fuoco"

    • San Nicola e G7, settimana 'di fuoco' per il traffico: stop alle auto sul Lungomare e divieti in centro

    • Tamponamento auto-moto in tangenziale, code e disagi per gli automobilisti

    • Ritrovato ad Otranto il 25enne Luigi Marchitelli: era scomparso da una settimana

    • Omicidio Amedeo, indagini a tutto campo: si cerca il movente del delitto

    Torna su
    BariToday è in caricamento