Rifiuti, casolari abbandonati e calcinacci: lungomare Starita, quando l'incuria è a due passi dal mare

Sono diversi i problemi presenti nell'area vicina al faro, denunciati anche dal Movimento 5 stelle di Bari. In zona gli "sporcaccioni" lasciano rifiuti anche tra gli scogli vicino al mare

Ci vuole poco a rovinare anche un paesaggio magnifico come quello del lungomare Starita, nelle vicinanze dell'imponente faro di Bari. Questo luogo - frequentato ogni giorno da pescatori, runner e baresi in cerca dei primi scampoli di sole primaverile - in molte zone versa nel degrado, che aumenta quanto più ci si allontana dalla zona del teatro Margherita. 

I casolari abbandonati - A pochi passi dal lungomare ci pensano i casolari disabitati a regalare ai passanti quel senso di abbandono. Ne troviamo uno a pochi metri dal Cus. Non è stato mai finito di costruire: i mattoni rossi sono ricoperti da striscioni abusivi che pubblicizzano un circo, passato in città chissà quanto tempo fa. Basta affacciarsi nel giardino interno per trovare una discarica: cartacce, bottiglie di vetro e di plastica, pezzi di legno, persino una sedia, abbandonati dai passanti nell'area delimitata dalle grate. A pochi metri sono state anche incatenate con un lucchetto alcune sedie di plastica, che probabilmente saranno utilizzate da coloro che nel pomeriggio si rilassano giocando a carte o dai tanti venditori abusivi di panini e bibite che, con l'arrivo del bel tempo, presidiano la zona.

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

È invece ben in vista sul marciapiede il sacco nero dei rifiuti, che qualcuno in zona ha pensato di abbandonare nella via di passaggio, forse speranzoso che qualche anima pia lo avrebbe raccolto e lasciato  vicino ai cassonetti posizionati pochi metri più avanti. All'angolo con via Tripoli, poi, i passanti devono anche stare attenti ai calcinacci, che dal muro ormai vecchio si sono distaccati, finendo sul marciapiede, che rischiano di far inciampare qualcuno. Chiudono in bellezza questa cartolina "metropolitana" i graffiti, che ricoprono gran parte del muro di cinta del casolare

I rifiuti - Non è però solo vicino alle case che vengono abbandonati i rifiuti. Gli "sporcaccioni" non hanno rispetto neanche della natura, ed ecco quindi - come denunciato dal portavoce del Movimento 5 stelle al quinto Municipio Davide de Lucia - che anche le aree verdi a due passi dal mare si riempiono di decine di pacchetti di sigarette, bottiglie, contenitori in plastica, preservativi e persino pezzi di muratura, distaccatisi dalla muratura che separa il marciapiede dagli scogli.

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

"Non mancano poi - spiega il consigliere nel video - cestini portarifiuti quasi distrutti e erbacce da eliminare. Il tutto a due passi dall'ingresso visitatori di Eataly e a pochi metri dai cassonetti".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      'Rivoluzione' porta a porta, a maggio si comincia con Santo Spirito: in arrivo kit e bidoncini

    • Cronaca

      Filmato mentre faceva sesso con l'amante in azienda: due indagati per diffamazione

    • Cronaca

      San Nicola 2017, il sorteggio dei pescherecci: la statua sarà trasportata da 'Nicolaus'

    • Cronaca

      Torricella, viaggio nel parco giochi colpito dai vandali. I residenti: "Pericoloso per i bambini"

    I più letti della settimana

    • Sparatoria al San Paolo: ucciso dipendente Amiu Michele Amedeo

    • Sorpresi con armi cariche e giubbotti antiproiettile, tre arresti a Japigia: "Pronti a far fuoco"

    • San Nicola e G7, settimana 'di fuoco' per il traffico: stop alle auto sul Lungomare e divieti in centro

    • La terra trema in Puglia: scosse di magnitudo 4 fino al confine tra Bari e Bat

    • Tamponamento auto-moto in tangenziale, code e disagi per gli automobilisti

    • Ritrovato ad Otranto il 25enne Luigi Marchitelli: era scomparso da una settimana

    Torna su
    BariToday è in caricamento