Rutigliano, ubriaco picchia la moglie e aggredisce carabinieri: 23enne in manette

Un bracciante avrebbe picchiato la coniuge mentre aveva in braccio un bambino di 2 mesi. Alla vista dei militari avrebbe sferrato loro calci e pugni. La donna, in forte stato di agitazione, è stata trasportata in ospedale

Ubriaco, avrebbe aggredito la moglie mentre aveva in braccio il bambino di due mesi, rinciudendola poi in casa. In manette è finito, a Rutigliano, un 23enne bracciante agricolo di origini albanesi che, alla vista dei carabinieri, si è scagliato contro di loro colpendoli con calci e pugni. Il giovane, ora in carcere,  è accusato di minacce e resistenza a pubblico ufficiale, lesioni personali continuate e sequestro di persona. La ragazza, in forte stato di agitazione, è stata soccorsa e affidata alle cure dell'ospedale di Triggiano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aggualto a colpi di pistola tra i vicoli di Triggiano: pregiudicato 36enne ferito

  • Trema la terra nel Barese: scossa di terremoto ad Alberobello

  • "Dove si colloca l'Iran nel globo?" E gli americani indicano la Puglia: i risultati (tutti da ridere) del sondaggio

  • Chiude un altro negozio storico in città: addio a Ventrelli, al suo posto nascerà un casinò

  • Addio a Mimmo Lerario, scomparso lo storico chef del ristorante Ai 2 Ghiottoni

  • Pos obbligatorio dal 2020 per tutti i commercianti italiani: come e quando munirsi per i pagamenti

Torna su
BariToday è in caricamento