Guanti e bustoni, i residenti di San Cataldo ripuliscono la spiaggetta

L'iniziativa promossa dal comitato di quartiere insieme ad altre associazioni per liberare dai rifiuti il tratto antistante 'Provolina'

Contenitori in plastica, cartacce, bottiglie, perfino buste di spazzatura, disseminate lungo il muretto e sulla spiaggetta in zona 'Provolina' sul lungomare Starita, a San Cataldo. A ripulire quel piccolo tratto di costa molto amato e utilizzato d'estate da chi abita in zona, sono stati questa mattina gli stessi residenti.

Armati di guanti, bustoni e tanta buona volontà, si sono ritrovati sulla spiaggetta per rimuovere quei rifiuti lasciati da più di un incivile (e in minor parte dalle mareggiate invernali). "Se non hai la spazzatura al posto del cuore unisciti al gruppo", lo slogan scelto per far conoscere l'iniziativa e invitare tutti i residenti a partecipare. All'iniziativa, lanciata dall'associazione 'Residenti San Cataldo', si sono unite Legambiente Bari, Retake Bari e Associazione IX Maggio. Al fianco dei cittadini anche Amiu Puglia, che ha fornito supporto e materiali per la pulizia (pinzette, guanti e bustoni).
 

Potrebbe interessarti

  • Le tignole mangiano il guardaroba: i rimedi per eliminarle dal nostro armadio

  • Lattosio e intolleranza: come riconoscere i sintomi

  • Bocca in fiamme per il peperoncino? I rimedi per togliere il bruciore

  • Dolce al palato e ricco di proprietà: i benefici del fico

I più letti della settimana

  • "Le urla, poi quel bimbo adagiato sugli scogli: in quel momento abbiamo pensato solo a ciò che potevamo fare"

  • Scomparso da due giorni a Modugno: 52enne ritrovato senza vita

  • Schianto in autostrada al rientro dalle vacanze: muore uomo di Bitritto, grave la moglie

  • Weekend del 24 e 25 agosto: tutti gli eventi a Bari e provincia

  • Tentato omicidio Gesuito in zona Cecilia, arrestato il boss Andrea Montani: "Agì per vendicare morte del figlio"

  • Da Bari a Casamassima per rapinare una farmacia, ma la polizia è sulle loro tracce: colpo sventato, tre in manette

Torna su
BariToday è in caricamento