Sanità, dal Riesame nuova richiesta di arresto per Tedesco

Dopo aver riconosciuto il reato di associazione a delinquere a carico del senatore, il Tribunale del Riesame ha disposto l'invio al Senato di una nuova richiesta di autorizzazione agli arresti domiciliari, già respinta una prima volta lo scorso 20 luglio

La decisione presa ieri dal Tribunale del Riesame cambia nuovamente la posizione del senatore Alberto Tedesco, assessore alla sanità nella prima giunta Vendola e ora indagato nell'ambito di un'inchiesta su presunte tangenti e corruzioni nella gestione della sanità pugliese. Il Riesame ha infatti accolto il ricorso presentato dalla Procura di Bari contro la decisione del gip Giuseppe De Benedictis, che a febbraio scorso aveva respinto l'accusa di associazione a delinquere a carico di Tedesco.

L'ASSOCIAZIONE A DELINQUERE - Per il Riesame, invece, quel reato è effettivamente imputabile al senatore, che sarebbe stato a capo di una vera e propria associazione finalizzata alla lottizzazione politica degli appalti nella sanità. Con il supporto di dirigenti e funzionari compiacenti, Tedesco avrebbe pilotato gli esiti delle gare d'appalto a favore di alcuni imprenditori, che in cambio gli avrebbero assicurato voti e sostegno finanziario.

LA NUOVA RICHIESTA D'ARRESTO - Una posizione di assoluta centralità, dunque, quella del senatore nella gestione del malaffare nella sanità pugliese, sufficiente a motivare una nuova richiesta di autorizzazione all'arresto, effettivamente inviata ieri dal Tribunale del Riesame alla presidenza del Senato. Una prima autorizzazione all'arresto di Tedesco per i reati di concussione, abuso d'ufficio, turbativa d'asta e concorso in falso era stata respinta dal Senato lo scorso 20 luglio. Una decisione che aveva suscitato forti polemiche all'interno della stessa aula di Palazzo Madama, con il Pd (ex partito di Tedesco e favorevole all'arresto) che aveva accusato la Lega di aver salvato il senatore approffittando della votazione a scrutinio segreto, votando cioè contro l'arresto pure essendosi pubblicamente dichiarata a favore della misura cautelare.

Ora quindi il Senato dovrà nuovamente decidere sull'arresto del senatore, ma questa volta per il reato di associazione a delinquere. La difesa di tedesco ha invece dieci giorni di tempo per fare ricorso in Cassazione contro la decisione del Tribunale del Riesame.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Attualità

    VIDEO | Al Politecnico la monoposto progettata dagli studenti: "Sarà in pista per i campionati di Formula Sae"

  • Cronaca

    Calci e pugni al medico, aggressione in ospedale: arrestato 44enne

  • Attualità

    A Brindisi la marcia in ricordo delle vittime innocenti delle mafie: anche il Comune di Bari alla manifestazione di Libera

  • Cronaca

    "Nuove strisce blu prima di nuovamente rifare l'asfalto", i residenti dell'Umbertino chiedono chiarimenti

I più letti della settimana

  • Chicco è tornato a casa: ritrovato il cagnolino rubato insieme ad un'auto

  • Nuova ferrovia Bari-Torre a Mare, da domani e fino al 2020 i lavori in Tangenziale: deviazioni a Japigia

  • Violento scontro tra due auto a Palese: giovane ricoverato in codice rosso, ferite altre due persone

  • Violenta rissa per strada armati di ascia e pistola: arrestati sei giovani a Rutigliano

  • L'Università di Bari al top in Italia: giudizio positivo dall'Anvur, "stesso voto della Bocconi"

  • Rutigliano, scoppia rissa in strada: giovane ferito

Torna su
BariToday è in caricamento