Sciopero dei trasporti, mezzi pubblici a rischio il 27 gennaio

Previsto uno sciopero di 24 ore, proclamato dai sindacati Usb, Slai Cobas, Orsa, Cib Unicobas, Snater, Sicobas e Ubi. A rischio la circolazione bus e treni al di fuori delle fasce orarie garantite

Disagi in vista nel settore del trasporto pubblico locale per venerdì 27 gennaio. I sindacati USB, SLAICOBAS, ORSA, CIB-UNICOBAS, SNATER, SICOBAS e USI, hanno indetto infatti uno sciopero di 24 ore, con manifestazione nazionale a Roma.

La mobilitazione è stata proclamata a livello nazionale e si svolgerà con modalità e orari diversi a seconda delle categorie. Queste nel dettaglio le modalità previste

Settore Trasporto Aereo: 24 ore con le seguenti articolazioni
- Personale Navigante:  24 ore di sciopero con rispetto fasce di garanzia e dei voli garantiti.
- Personale di Terra Turnista: 24 ore nel rispetto delle fasce di garanzia.
- Personale di Terra Normalista: intero turno.


Settore Trasporto pubblico locale e  trasporto merci e logistica: 24 ore nel rispetto delle fasce protette localmente definite. 

AMTAB: Personale di esercizio: dalle ore 00,00 alle ore 24:00

Personale uffici ed impianti fissi: intera giornata lavorativa

Servizi garantiti: Trasporto urbano nelle fasce orarie 05:30-08:30 e 12:30-15:30, trasporto disabili, centro Operativo, numero Verde, manutenzione, rimessaggio e conducenti di rimessa
 

FERROVIE SUD ESTsul sito della società viene segnalato che la circolazione, ferroviaria ed automobilistica, potrà subire ritardi e/o soppressioni al di fuori delle fasce orarie nelle quali sono previsti i servizi minimi essenziali ferroviari ed automobilistici (dalle ore 5.00 alle ore 8.00 e dalle ore 12.30 alle ore 15.30).

FERROVIE APPULO LUCANE: sul sito della società viene segnalato che saranno garantiti i servizi essenziali dalle ore 5.30 alle ore 8.30, e dalle ore 12.30 alle ore 15.30. Potrebbero invece non essere garantiti i collegamenti ferroviari da Potenza per Bari (treni 152 e 158) e da Bari per Potenza (treni 111 e 131).

 

Settore Ferroviario:
- Addetti agli impianti fissi ed uffici  -   intera giornata del  27 gennaio 2012
- Personale addetto alla circolazione dei treni -    dalle 21.00 del 26/01/12 alle 21.00 del 27/01/12

ANAS : Tutto il personale compreso quello turnista h24, intero turno a partire dalle 06.00 del 27 gennaio alle ore 06.00 del 28 gennaio 2012.

LE MOTIVAZIONI - Lo sciopero è stato indetto per protestare contro le misure del governo che a detta dei sindacati colpiscono pesantemente i lavoratori dei trasporti, sia come cittadini, per l’aumento delle tasse e la riduzione dei servizi sociali. La mobilitazione include anche la protesta per le privatizzazioni e le liberalizzazioni, che pesano come sempre sul costo del lavoro e sull'occupazione. Infine, i sidnacati del settore protestano per l'attacco a contratti e salari aggravato dall'accordo del 28 giugno scorso di Cgil, Cisl e Uil con Confindustria, ripreso dal Governo Berlusconi e proseguito da Monti e Fornero.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Se mi riprendi ti butto a mare": giornalista e operatore Rai aggrediti sul lungomare mentre filmavano gli assembramenti

  • Il professor Lopalco ottimista sull'epidemia: "La prima ondata pandemica del covid-19 si è spenta"

  • Superbonus al 110%, ristrutturare casa a costo zero: chi può richiedere la detrazione e quali lavori effettuare

  • Vieni a ballare in Puglia: verso la riapertura delle discoteche all'aperto

  • Coronavirus, al via i test sierologici gratuiti per l'indagine nazionale: 27 i Comuni della provincia di Bari coinvolti

  • Le Frecce Tricolori arrivano a Bari. Sorvolo in mattinata, la Prefettura: "Evitate gli assembramenti"

Torna su
BariToday è in caricamento