Sequestrato un 'tugurio' a Torre a Mare: "Occupato da tre persone abusivamente". Sanzionato il proprietario

L'uomo non aveva comunicato alla polizia di aver dato ospitalità ai tre migranti. All'interno della struttura mancavano i bagni e non erano rispettate le normali condizioni igieniche

Avevano occupato irregolarmente un immobile a Torre a Mare, sgomberato e sequestrato nella mattinata del 14 novembre dagli agenti di polizia di Stato e della Locale, del Nucleo di polizia edilizia e della Sisp Asl di Bari.

Ordinanza anti tuguri al Libertà: "Ripristinate le condizioni igienico sanitarie"

Dal controllo effettuato si è scoperto che l'immobile in via Leopardi era stato adibito a uso abitativo per i tre migranti, senza alcun contatto di locazione da parte del proprietario. La struttura era manchevole di tutti i requisiti igienico-sanitari, con mancanza di bagni anche al piano superiore. Dopo lo sgombero della polizia locale è stato anche sequestrato, così da evitare il proseguio del reato.

Ulteriori accertamenti effettuati in Questura non hanno fatto emergere irregolarità nei confronti dei tre migranti. Il proprietario, invece, è stato sanzionato per la mancata comunicazione scritta entro le 48 ore alla Polizia di dare alloggio a soggetti stranieri non comunitari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carabiniere in auto con la cocaina, sorpreso dai colleghi durante un controllo: arrestato

  • Maxi operazione dei carabinieri tra Bari e Altamura: 50 arresti tra capi clan e affiliati, scacco matto ai D'Abramo-Sforza

  • Riecco Checco Zalone: ecco il manifesto di 'Tolo Tolo, il film al Cinema dal 1 gennaio 2020

  • Isabella, la Monica Bellucci di Molfetta che ha rubato il cuore all'ex tronista Francesco Monte: "E' speciale perché è normale"

  • Operazione antimafia nel Barese: 54 arresti e due anni di indagini, così è stato disarticolato il clan D'Abramo-Sforza

  • Trovato morto nelle acque di Palese: per i familiari Roberto è stato ucciso, per la Procura incidente o malore

Torna su
BariToday è in caricamento