Sorpresi a rubare nel capannone di un'azienda sotto sequestro: due in manette

Un 63enne e un 20enne bloccati dalla polizia nella struttura alla zona industriale, mentre smontavano alcune pompe idrauliche

Sono stati sorpresi dalla polizia mentre all'interno di un opificio sotto sequestro erano intenti a smontare pompe idrauliche. In due  - un barese di 63 anni ed un bitontino di 20 anni - sono finiti in manette con l'accusa di tentato furto aggravato in concorso.

I poliziotti della Squadra Volante, unitamente ad un equipaggio del Commissariato di P.S. San Paolo, a seguito di una segnalazione giunta al 113, sono intervenuti presso la sede dell'azienda in Via Nickmann, sorprendendo i due ladri in un capannone.

Dopo le formalità di rito, entrambi sono stati sottoposti alla misura degli arresti domiciliari, come disposto dall’Autorità Giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, c'è il 'paziente 1' in Puglia: era tornato dalla Lombardia, ora è in isolamento in ospedale

  • Due baresi morti nel terribile incidente di Mottola: le vittime sono tre, altrettanti i feriti di cui uno in gravi condizioni

  • Panico da Coronavirus, l'ordine degli psicologi in Puglia lancia l'allarme: "State lontani dai social, veicolano solo terrore"

  • Cinque casi sovrapponibili al coronavirus in Puglia, scatta il censimento per chi arriva dalle regioni del contagio

  • Scontri tra tifosi baresi e leccesi in autostrada a Cerignola: veicoli in fiamme

  • A Santa Caterina apre il nuovo Parco Commerciale: dal 28 febbraio l'inaugurazione dei primi maxi store

Torna su
BariToday è in caricamento