Muore bimba ricoverata al 'Giovanni XXIII': ancora un caso di meningite?

La piccola di 4 anni, ricoverata da ieri sera, sarebbe deceduta a causa di una sepsi batterica. Se confermato si tratterebbe del quinto contagio in Puglia registrato in pochi giorni

Saranno le analisi dell'unità operativa di Igiene del Policlinico a stabilire se una bambina di 4 anni, deceduta questa notte nell'ospedale pediatrico 'Giovanni XXIII' di Bari, abbia contratto una forma di meningite.

I PRIMI ACCERTAMENTI: "NON ERA MENINGITE"

La piccola, originaria di Barletta, era stata ricoverata nel nosocomio barese: secondo i medici sarebbe deceduta a causa di una sepsi, ovvero di un'infezione batterica localizzata su tutto il corpo. Se confermato, si tratterebbe del quinto caso di meningite in pochi giorni in Puglia, l'ultimo dei quali ieri, con un 50enne ricoverato all'ospedale 'Miulli' di Acquaviva delle Fonti. La situazione è costantemente monitorata dall'Osservatorio Epidemiologico Regionale, diretto dalla dottoressa Cinzia Germinario.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Cade in moto sul lungomare: muore 54enne

  • Sport

    Foggia-Bari, derby allo 'Zaccheria' 21 anni dopo: galletti col tridente Galano-Floro-Cissè

  • Cronaca

    Sorpresi con una pistola rubata nell'auto: quattro baresi arrestati nel Materano

  • Cultura

    Otto giorni nel segno del cinema, parte il Bif&st 2018: al Petruzzelli l'incontro con Piefrancesco Favino

I più letti della settimana

  • Blitz della Dda contro il clan Capriati, 18 in manette: i nomi degli arrestati

  • Droga, armi ed estorsioni: blitz della polizia, 18 arresti nel clan Capriati

  • Vigili fermano Smart per un controllo: scoperto "sequestro" di un bimbo di 3 anni, due arrestati

  • Intasca tremila euro da un imprenditore: arrestato dirigente del Policlinico

  • Podista colpito da infarto durante Vivicittà, scattano i soccorsi. Gli organizzatori: "Possedeva un certificato medico agonistico"

  • Dalle estorsioni alle attività nel porto, così il clan Capriati si era riorganizzato: "Puntava a infiltrarsi nel tessuto economico della città"

Torna su
BariToday è in caricamento