Nell'edificio abbandonato telecamere e mezzo chilo di droga: smantellata 'centrale dello spaccio' a Bitonto

Si tratta della terza 'sala di controllo' individuata dalle forze dell'ordine nel centro storico: arrestato un 23enne, che alla vista dagli agenti ha tentato la fuga sui tetti, ma è stato bloccato

Otto telecamere a colori puntate sulle strade circostanti e un monitor da 40 pollici attraverso cui sorvegliare costantemente la zona. Una vera e propria 'sala di controllo', allestita all'interno di uno stabile apparentemente abbandonato, nel centro storico di Bitonto, per monitorare costantemente l'area della relativa 'piazza di spaccio'.  A smantellare la centrale delle attività illecite sono stati giovedì gli agenti della Polizia di Stato, che nel corso dell'operazione hanno sequestrato oltre mezzo chilo di sostanza stupefacente tra marijuana, hashish e cocaina e arrestato un giovane che si trovava all'interno dello stabile.

Le aree di spaccio nel centro storico di Bitonto

La 'sala di controllo' delle attività illecite, la terza individuata dalle forze dell'ordine nel centro storico di Bitonto, era collocata nella cosiddetta 3-2-13area del 'Ponte' - una delle tre zone di spaccio insieme a quella di di San Luca e di Porta Robustina (in cui è avvenuto l'agguato costato la vita all'innocente Anna Rosa Tarantino). Il  raggio d’azione delle telecamere inquadrava parte di via Solferino, via Sant’Andrea, via Arco di Cristo, piazzetta Salluzzo, vico Annunziatella e via Germano, strade che delimitano, appunto, la 'piazza' di spaccio in questione.

L'operazione della polizia: un arresto e il sequestro di droga

Gli uomini della Polizia di Stato, dopo aver circondato l’area nelle prime ore del mattino con l’ausilio del reparto Prevenzione Crimine, hanno fatto irruzione nello stabile. Proprio grazie alle telecamere di cui il posto era dotato, l’uomo all’interno, notato l’arrivo delle forze dell'ordine, ha cercato di fuggire attraverso i tetti portando con sè un borsone, di cui ha poi cercato di disfarsi lanciandolo all’interno di un terrazzino adiacente. Il giovane si è quindi rifugiato in un'abitazione vicina, dove è stato poi raggiunto e bloccato. All'interno del borsone, i poliziotti hanno rinvenuto circa mezzo chilogrammo di sostanza stupefacente già suddiviso in dosi e pronto alla vendita (324 grammi di marijuana, 101 di hashish, 20,8 di cocaina). L’arrestato, Michele Sabba, 23 anni, pregiudicato, è stato condotto in carcere a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Presentato il progetto del Polo pediatrico pugliese: "239 posti letto in tre diversi dipartimenti aziendali"

  • Attualità

    Dal Villaggio di Babbo Natale in piazza Umberto agli eventi nelle periferie: torna 'Bari Christmas Town'

  • Cronaca

    Cinque ore di ritardo per giungere da Milano a Bari: Ryanair condannata a risarcire 9 viaggiatori

  • Cronaca

    "Tempi di percorrenza raddoppiati e orari sfasati": il sindaco di Polignano raccoglie le proteste dei pendolari

I più letti della settimana

  • Finisce con la vettura contro un albero, muore un automobilista. Moglie ricoverata in codice rosso

  • Guerra tra clan baresi per ''controllare" il quartiere Madonnella: 13 persone in manette

  • Padre e figlio uccisi in due agguati al Libertà, otto a processo: chiesti sei ergastoli

  • Incidente sul lungomare, auto finisce su un veicolo in sosta: indagini della Locale

  • La fortuna bacia Bari: centrato un 5+1 al SuperEnalotto

  • Assalti a bancomat in Francia, scatta sequestro di beni per cinque persone: i nomi

Torna su
BariToday è in caricamento