"Fateli entrare", ma non hanno biglietto per lo stadio: in due minacciano e aggrediscono poliziotti, arrestati

L'episodio durante Bari-Gela. In manette due fratelli: prima hanno minacciato gli steward affinchè lasciassero entrare tre persone, sprovviste di ticket, poi si sono scagliati contro gli agenti intervenuti sul posto

Pretendevano che gli steward all'ingresso lasciassero entrare nello stadio tre persone che però erano sprovviste di biglietto. Così, dopo aver minacciato gli stessi, si sono scagliati anche contro tre poliziotti, intervenuti per calmare le acque.

L'episodio si è verificato domenica pomeriggio durante la partita Bari-Gela. In manette sono finiti due fratelli di 37 e 38 anni, entrambi baresi con precedenti di Polizia.

Tra il primo ed il secondo tempo tre poliziotti, in servizio di ordine pubblico nel settore Curva Nord, sono intervenuti presso l’ingresso n.6 ove personale steward aveva segnalato la presenza di una persona molesta; giunti sul posto hanno fermato il 38enne che, con fare minaccioso, voleva costringere gli steward a consentire l’accesso alla struttura a tre persone prive di titolo d’ingresso. Poco dopo è sopraggiunto sul posto il fratello 37enne; la situazione è  degenerata con i due che hanno dapprima minacciato e successivamente aggredito i poliziotti. Entrambi sono stati arrestati per lesioni e resistenza a pubblico ufficiale in concorso.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Investito mentre attraversa la Tangenziale: un morto. Traffico bloccato sulla Statale 16

  • Pitbull senza guinzaglio semina il panico in pizzeria: si avventa contro cagnolino e lo uccide

  • Un nuovo McDonald's a Bari: al via le selezioni online per il personale, 80 posti disponibili

  • Sparatoria tra la folla nel centro storico di Bitritto: feriti un passante e un pregiudicato

  • Incidente in Tangenziale all'altezza di Santa Fara: traffico in tilt e code per chilometri

  • Pistola in pugno, assaltano negozio e fuggono con l'incasso di mille euro: padre e figlio in manette a Corato

Torna su
BariToday è in caricamento