Tartaruga decapitata viva e gettata in mare, carcassa recuperata a Giovinazzo: "Atto barbaro"

A ritrovarla, i volontari del Centro Recupero Tartarughe marine Wwf Molfetta: "Gli individui che hanno fatto questo dovrebbero comprendere il danno che causano, persino a se stessi, ed il dolore che provocano"

Foto Crt Wwf Molfetta

Prima l'hanno decapitata viva con un coltello, poi hanno brutalizzato la carcassa infilando un ramo nella ferita e successivamente l'hanno abbandonata in mare: la carcassa di una tartaruga è stata recuperata dai volontari del Crt Wwf Molfetta sulla spiaggia di Giovinazzo. Non è ancora chiaro da dove provenga ma è abbastanza visibile il modo barbaro con cui è stata uccisa da ignoti: "Ammazzare crudelmente le tartarughe marine, invece di aiutarle e salvarle, è disumano - affermano dal Crt -  Gli individui che hanno fatto questo ad una tartaruga indifesa dovrebbero comprendere il danno che causano, persino a se stessi, ed il dolore che provocano. È impossibile tollerare certi comportamenti figli dell'ignoranza".
 

Potrebbe interessarti

  • Estate 2019 tra cibo e cultura: sagre, festival e manifestazioni di Bari e provincia

  • Spaghettata di San Giovanni: tradizione e semplicità in pochi ingredienti

  • Bari Wireless: come navigare gratuitamente su Internet con un proprio PC portatile o smartphone

  • Menta, pepe di Cayenna, aglio e altri rimedi naturali per allontanare le formiche

I più letti della settimana

  • Si avvicina all'auto e tenta di portar via un bimbo di 5 anni: bloccato dai carabinieri

  • Dopo il bagno a Pane e Pomodoro, la brutta sorpresa: "Sparita la borsetta con soldi e cellulare"

  • Da Bari a Savona con camera da letto, pensili e bici sul tetto dell'auto: fermato automobilista nel Modenese

  • Tornano le aperture serali dei mercati settimanali: a luglio e agosto bancarelle al calar del sole

  • Scontro sulla statale 16: quattro veicoli coinvolti, traffico rallentato in direzione sud

  • "Scippata della borsa" a due passi dl lungomare: giovane studentessa derubata di soldi e documenti

Torna su
BariToday è in caricamento