"Riaprire il cine-teatro del Redentore". Il progetto c'è, mancano i fondi

L'appello dell'Oratorio dei Salesiani a istituzioni e privati. La struttura, capace di ospitare fino a 700 spettatori, è chiusa da oltre 20 anni. Servono due milioni di euro per il recupero. Don Francesco Preite: "Cultura e lavoro per rigenerare il quartiere Libertà"

Chiuso da circa vent'anni dopo i lavori di bonifica dall'amianto e mai riutilizzato: il cinema-teatro dell'Oratorio Redentore potrebbe riaprire i battenti ma al momento mancano i 2 milioni di euro necessari al restauro. I Salesiani, gestori del plesso religioso e sociale, chiedono una mano a istituzioni e privati per dotare il quartiere Libertà di una struttura culturale, in una zona carente di spazi per l'intrattenimento e lo svago. Eppure, tanti anni fa, proprio con il cinema-teatro attivo, le domeniche del Redentore erano decisamente differenti: "Dopo la Messa - racconta don Francesco Preite, direttore dell'Opera Salesiana di Bari - i ragazzi potevano gustare un panino con la mortadella e poi vedere un film. Altri tempi, è vero, ma la presenza del cinema consentiva di mettere loro a disposizione strumenti per divertirsi e crescere culturalmente. E' ciò che intendiamo fare: la prevenzione educativa passa proprio attraverso la cultura, rigenerando tessuti urbani devastati dalla violenza di pochi".

Il cineteatro potrà avere una capienza complessiva di 700 posti tra galleria e platea, ospitando spettacoli, recite, concerti e proiezioni di film, in un quartiere simbolo della multietnicità, diventando veicolo di integrazione ma anche un'occasione di lavoro per i giovani: "Potrebbe essere gestito - auspica don Francesco - da una cooperativa occupandosi ad esempio della biglietteria e di altri servizi. Un buon modo per contrastare la disoccupazione e far crescere i ragazzi del quartiere".

Tutto questo, però, è ancora un sogno: i Salesiani hanno presentato alla Regione i documenti per poter procedere alla riapertura. Lo scoglio principale è rappresentato proprio dai finanziamenti, al momento insostenibili per l'Oratorio: "Alcuni geometri e ingegneri hanno lavorato a titolo gratuito per elaborare un bel progetto. Noi facciamo appello agli Enti Pubblici e alle Fondazioni private per far sì che questo spazio torni a vivere". Il progetto avrebbe già incassato il sostegno di Gennaro Nunziante, popolare regista barese e anima, dietro la cinepresa, dei film di Checco Zalone con cui condivide un lungo sodalizio artistico. Sullo sfondo, l'idea di creare magari una compagnia teatrale con i ragazzi della zona: "Cultura - conclude don Francesco - è crescita e confronto".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si chiama ''1997 BQ'' ed è il gigantesco asteroide in avvicinamento alla Terra

  • Incidente mortale sulla SS100: impatto camion-auto, strada chiusa al traffico

  • In Puglia 27 nuovi casi di Coronavirus, Lopalco rassicura sull'impennata dei contagi: "Numeri riferiti a periodi precedenti"

  • Le Frecce Tricolori tornano a Bari: il 28 maggio tappa del 'Giro d'Italia' per le vittime del Covid-19

  • Bollettino Coronavirus, 10 nuovi casi in Puglia: nessun nuovo positivo o decesso nel Barese

  • Sette grandi personalità per far ripartire la Puglia: è il gruppo strategico nominato da Michele Emiliano

Torna su
BariToday è in caricamento