Terremoto in Albania: per i feriti dalla Puglia un campo da 250 posti , allertati centri trasfusionali per il sangue

Il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano sta seguendo dalle 3.54 di questa notte l’allarme legato al terremoto in Albania, vicino Durazzo, che è stato percepito in tutte le province della Puglia

Earthquake aftermath in Albania epa08025913 A woman cries as her relatives are trapped in a building after an earthquake hit Thumane, Albania, 25 November 2019. Albania was hit by a 6.4 magnitude earthquake on 26 November 2019, leaving three people dead and dozens injured. EPA/MALTON DIBRA

Violenta scossa di terremoto in Albania nella notte. La scossa di magnituto 6.4 ha provocato numerosi crolli e anche decine di vittime nell'area di Durazzo.

Questi gli aggiornamenti di Michele Emiliano: "Questa notte sono stato in contatto con la protezione civile regionale per verificare che non ci fossero danni in Puglia e informare e rassicurare attraverso i social network tutti i cittadini su quanto stava accadendo - spiega Emiliano - ho inoltre preso contatto subito sia con il sindaco di Tirana che con il premier Edi Rama: i danni sono rilevanti, ci sono delle vittime, ci sono ancora delle persone sotto le macerie. Stamattina ho preso contatto con Angelo Borrelli, il coordinatore della Protezione Civile nazionale: la Protezione Civile italiana sta inviando una cinquantina di vigili del fuoco specializzati nello scavo sotto le macerie e abbiamo messo in preallarme il nostro sistema di Protezione Civile regionale collegato alla sanità per la predisposizione di circa 250 posti letto in ospedali e strutture con specifico riferimento ai traumi e alle trasfusioni di sangue. Abbiamo anche messo in preallarme i nostri centri trasfusionali, per la trasmissione del sangue in Albania. La Puglia anche per questioni di vicinanza oltre che di reciproca e profonda conoscenza con tutte le istituzioni albanesi, è stata impegnata direttamente dalla Protezione civile nazionale e noi siamo a disposizione per portare ai nostri fratelli e sorelle tutto l'aiuto necessario”.

Colonna della Protezione civile in partenza

La colonna mobile del Servizio regionale di Protezione Civile - rende noto la Regione - si imbarcherà questa sera, alle ore
22 dal porto di Bari per Durazzo, dove sarà in grado di approntare un modulo di assistenza per 250 persone. Secondo le previsioni del momento, i cento volontari si fermeranno a Durazzo per 5 giorni, offrendo supporto alla popolazione. Il servizio di Protezione Civile regionale, in collaborazione con quello del Molise è coordinato dal Dipartimento nazionale che segue costantemente l’evolversi della situazione, valutando gli effetti del sisma che questa notte ha colpito l’Albania. La colonna mobile pugliese è dotata di ogni attrezzatura per garantire la sicurezza del campo da attrezzare.

*Ultimo aggiornamento ore 21.40



 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bari 'spartita' tra 11 clan, la mappa della malavita in città e in provincia: "Panorama in continua evoluzione"

  • Trema la terra nel Barese: scossa di terremoto ad Alberobello

  • Addio a Mimmo Lerario, scomparso lo storico chef del ristorante Ai 2 Ghiottoni

  • Sete da cammello e notte insonne dopo aver mangiato la pizza: perchè succede?

  • Traffico di droga, blitz della polizia: smantellata organizzazione transnazionale italo-albanese

  • Pos obbligatorio dal 2020 per tutti i commercianti italiani: come e quando munirsi per i pagamenti

Torna su
BariToday è in caricamento