Tragedia a Fesca, ragazzino di 13 anni si uccide con la pistola del padre poliziotto

L'episodio è avvenuto ieri pomeriggio nel quartiere a nord di Bari. Il minore si sarebbe sparato alla tempia. La Magistratura non ipotizza al momento responsabilità penali

Un ragazzino di 13 anni è morto, ieri pomeriggio, a Fesca, rione nella zona nord di Bari: in base alle prime notizie il minore si sarebbe tolto la vita sparandosi alla testa nell'abitazione di famiglia, utilizzando la pistola del padre, un poliziotto. Avviate le indagini: i magistrati baresi hanno aperto un fascicolo per istigazione al suicidio (è un atto dovuto). 

Al momento sono in corso accertamenti sul telefono e sul cellulare del ragazzo, per determinare quali cause possano averlo portato ad uccidersi. Sul corpo non sarà disposta l'autopsia.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Investito mentre attraversa la Tangenziale: un morto. Traffico bloccato sulla Statale 16

  • Il dolore per Ivan, morto in uno schianto in moto a 17 anni: "Ora sei un angelo, ti ricorderemo sempre"

  • Pitbull senza guinzaglio semina il panico in pizzeria: si avventa contro cagnolino e lo uccide

  • Sparatoria tra la folla nel centro storico di Bitritto: feriti un passante e un pregiudicato

  • Incidente in Tangenziale all'altezza di Santa Fara: traffico in tilt e code per chilometri

  • Pistola in pugno, assaltano negozio e fuggono con l'incasso di mille euro: padre e figlio in manette a Corato

Torna su
BariToday è in caricamento