Bari calcio, trattativa al capolinea? E' scontro tra Matarrese e Montemurro

L'improvviso ultimatum della proprietà fissato per martedì fa infuriare i possibili acquirenti. La loro rabbia in un durissimo comunicato: "Evidente l'intento di non voler concludere"

Non sono bastati due mesi per portare a compimento una trattativa lunga, piena di ostacoli, incomprensioni, sulla quale è aleggiato anche lo spettro di altre offerte, ma che alla fine sembrava potersi concludere col passaggio di proprietà. Ad oggi, 14 luglio, siamo probabilmente ai titoli di coda della vicenda riguardante la cessione dell'As Bari dopo un sabato che ha riservato due incredibili colpi di scena. Nel pomeriggio i Matarrese avrebbero rivelato ad alcuni giornalisti di aver spedito via mail un ultimatum alla cordata Montemurro-Rapullino, nel quale si sarebbe indicato in lunedì il termine ultimo per inviare la bozza completa di preliminare con l'importo della valutazione e le garanzie sulla somma eccedente l'anticipo.

Voci non confremate ma capaci di scatenare una brusca accelerazione in un momento particolarmente delicato, durante l'approfondita analisi delle carte da parte dei possibili compratori, impegnati a limare il preliminare anche attraverso la consulenza di un prestigioso legale come il prof. Castellano. Nella tarda serata di ieri Montemurro e Rapullino hanno rilasciato un duro comunicato nel quale "esprimono il loro profondo disappunto e la profonda meraviglia per quanto dichiarato" da via Torrebella, spiegando come da oltre una settimana i tecnici stiano lavorando "duramente per predisporre gli atti relativi alla cessione che certamente non poteva essere effettuata secondo la bozza originariamente predisposta dai Matarrese risultata impraticabile".

I due imprenditori non accettano che "vengano evidenziate dal venditore richieste di garanzie al compratore e questi non si preoccupi di parlare delle proprie di gran lunga maggiori e più importanti" e "rigettano il ricorso alla metodologia dell’Ultimatum da chiunque provenga e che denota un evidente intento di non pervenire alla conclusione della vicenda". I toni sono diretti e precisi, alti mai come prima in questa trattativa, fino ad ora caratterizzata dalla massima collaborazione tra le parti, nonostante alcune frizioni.

Montemurro e Rapullino chiedono ai Matarrese di smentire le parole circolate e in caso contrario riterranno "definitivamente chiusa ogni ipotesi di accordo e chiederanno sin da subito ai propri tecnici di terminare la collaborazione con i tecnici del Gruppo Matarrese essendo evidente l’inutilità dello sforzo sino ad oggi profuso di fronte alla volontà dichiarata ma non dimostrata di voler effettivamente vendere".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Domani potrebbe essere il giorno della conferenza stampa dei possibili (a questo punto forse non più probabili) acquirenti, pronti a "un pubblico confronto con la famiglia Matarrese". Nel frattempo si sono persi due mesi utili per preparare la nuova stagione. Il ritiro è alle porte e non c'è alcuna programmazione all'orizzonte. L'ennesima estate buttata del calcio barese con una tifoseria sempre più costernata e disorientata, abituata oramai da anni all'improvvisazione e ai fiumi di parole di trattative a cadenza periodica, che ci tengono compagnia come quei romanzetti rosa di una volta, pieni di illusioni e irrealizzabili aspirazioni. Porte destinatesi a chiudersi definitivamente, dunque, a meno di ulteriori sorprese proprio sulla linea d'arrivo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Positivo al Coronavirus, viola la quarantena ed esce per fare la spesa: barese beccato dai carabinieri

  • "Ero a fare le pelose" sul lungomare: scatta multa da 3mila euro. A Bari oltre 300 persone in quarantena

  • Nonno contagiato dal Coronavirus al San Paolo: in sette vivevano nell'appartamento da 60mq

  • Muore medico barese contagiato dal coronavirus: è la terza vittima in Puglia tra gli operatori sanitari

  • "I non residenti lascino casa per i controlli", nei condomini di Bari numerosi manifesti truffa: indaga la Polizia

  • Genitori ricoverati per coronavirus, due adolescenti in quarantena soli a casa: l'aiuto di Carabinieri, parenti, amici e Comune

Torna su
BariToday è in caricamento