domenica, 20 aprile 15℃

Palagiustizia a rischio inagibilità, a settembre il trasferimento

L'edificio di via Nazariantz che ospita il tribunale penale necessita di interventi di manutenzione e consolidamento urgenti. Il Comune mette a disposizione degli immobili per il temporaneo trasferimento degli uffici, che potrebbe avvenire subito dopo la pausa estiva

Redazione12 giugno 2012
2

Qualche giorno fa, nel corso dell'ennesima riunione convocata per il fare il punto sulla situazione dell'edilizia giudiziaria, i magistrati lo avevano detto chiaro e tondo: "Presto il trasferimento in una sede sicura o cominceremo a tenere le udienze in piazza".

Annuncio promozionale

Al centro delle polemiche, la situazione ormai insostenibile degli immobili che ospitano gli uffici giudiziari baresi e di quello di via Nazariantz in particolare, dove negli ultimi mesi i disagi si sono succeduti con cadenza regolare ed esasperante per è costretto a lavorare in quegli ambienti: prima la rottura dell'impianto di riscaldamento, poi l'invasione dei topi e la rottura delle tubature della fogna. Fino al 'colpo' finale: una relazione dell'Inail, proprietaria dell'immobile, dalla quale emerge l'urgenza di eseguire lavori di manutenzione e consolidamento dell'edificio. Non esiste un rischio immediato, assicurano i tecnici, però entro breve 'i livelli di guardia' sulla sicurezza potrebbero essere superati, e perciò i lavori ai pilastri pericolanti (almeno tre) e le iniezioni di resina andrebbero cominciati al più presto.

Così, mentre il sindaco Emiliano ha annunciato di voler sospendere il pagamento del canone di locazione vista l'inadeguatezza dell'edificio, la commissione di manutenzione riunitasi oggi ha deciso di accelerare l'iter per il trasferimento degli uffici. Si è deciso infatti che i sopralluoghi negli immobili offerti come alternativa dal Comune abbiano subito inizio, in modo da rendere possibile il trasferimento temporaneo nelle nuove sedi già a settembre, dopo la pausa estiva.

Il Comune, inoltre, ha annunciato di voler avviare la procedura per la revoca dell'agibilità del palazzo di via Nazariantz, e di essere disponibile a requisire, se necessario, immobili diversi da quelli individuati con la ricerca di mercato.
 

2 Commenti

Feed
  • Avatar di Luigi Cipriani

    Luigi Cipriani La città deve sapere che se oggi la procura non ha una sede idonea lo si deve esclusivamente al dott. Emiliano. Infatti, come è noto, il NO alla Cittadella è stato voluto esclusivamente dl Sindaco Emiliano "negando" la discussione all'organo giuridico preposto "IL CONSIGLIO COMUNALE".!!! Luigi CIPRIANI

    il 12 giugno del 2012
  • Avatar anonimo di Gabriele Piscitelli

    Gabriele Piscitelli Che dire per il sindaco ritorna il ritornello della ricerca di mercato quando ad oras forse la Cittadella doveva essere pronta. Come Cittadino consiglierei di trasferire il Tribunale nella nuova Sede della Regione sino a quando non si realizza la detta Cittadella della Giustizia, egregi signori Politici.

    il 12 giugno del 2012