Ucciso da proiettile durante i festeggiamenti per una partita di calcio, il Comune di Modugno gli intitola palasport

Salvatore Pantaleo aveva 25 anni: nel 1988 fu raggiunto da un colpo di pistola durante i festeggiamenti per una vittoria della nazionale. Il sindaco Magrone: "Piccolo atto per dare un po' di giustizia a un giovane innocente per la cui uccisione nessuno ha mai pagato"

Sarà intitolato a Salvatore Pantaleo, il 25enne ucciso nel 1988 da un proiettile vagante, il Palazzetto dello Sport di via Paradiso, a Modugno.

Ucciso durante i festeggiamenti per una vittoria dell'Italia

Il giovane modugnese rimase ucciso durante i festeggiamenti per una partita vinta dalla nazionale italiana. In quella circostanza, Pantaleo venne raggiunto da un colpo di pistola di grosso calibro all’addome, mentre chiacchierava col fratello dinanzi alla sua abitazione, in via Tagliamento. Il colpo di pistola che lo uccise venne sparato, insieme con vari altri proiettili, ad altezza d’uomo, dagli occupanti di un’auto, che - per festeggiare la vittoria della Nazionale italiana - percorrevano ad alta velocità le strade cittadine, sparando all’impazzata. Dinanzi a casa di Pantaleo, almeno cinque colpi centrarono tre vetture parcheggiate: uno dei proiettili infranse il vetro del finestrino, perforò la lamiera del cancello dell’abitazione e colpì all’addome il giovane, che morì poco dopo in ospedale. Per il Sindaco Nicola Magrone, l'intitolazione è "un piccolo atto per ricordare e dare un po' di giustizia a un giovane innocente per l'uccisione del quale nessuno ha mai pagato". Per l’Amministrazione Magrone, "la decisione di legare il ricordo di Salvatore Pantaleo al Palazzetto dello Sport - si legge in una nota - intende essere un monito per tutti a rispettare i limiti della sobrietà e della legalità in ogni occasione, soprattutto di festa, anche di esultanze sportive". Questa, infatti, è la motivazione con la quale la Giunta Comunale ha deliberato di intitolare al giovane scomparso a 25 anni la struttura sportiva comunale. E, per questo, la cerimonia di intitolazione si svolgerà nell’ambito di un torneo amichevole di calcio tra squadre locali, con una commemorazione della giovane vittima e l’apposizione di una targa ricordo.

La riqualificazione del Palasport

Il Palasport Pantaleo - annuncia l'amministrazione Magrone  - sarà anche presto riqualificato. Il Comune di Modugno (Servizio Lavori Pubblici) ha affidato nel luglio scorso la redazione della progettazione esecutiva per la sua ristrutturazione e la sua messa a norma con interventi di manutenzione straordinaria e riqualificazione sulla struttura esistente e per le verifiche sulle strutture o parti di strutture in cemento armato. Le opere, per un costo complessivo di 463.000,00 euro, sono finalizzate ad apportare migliorie ed efficienza a un Palazzetto dello Sport utilizzato oggi per manifestazioni sportive anche di tipo agonistico. Esso ospita infatti le gare delle squadre che partecipano alle varie competizioni di categoria di pallavolo, calcio a 5 e ginnastica artistica. Altri interventi sono già stati eseguiti: tra questi, la messa in posa della nuova pavimentazione sportiva indoor in pvc con caratteristiche e proprietà elastiche per ottimizzare l’assorbimento degli urti.

Potrebbe interessarti

  • Perchè le zanzare pungono proprio te?

  • Cos'è la Malmignatta e cosa fare in caso di morso

  • C'era una volta la 'Cialdèdde'

  • Come tenere puliti e privi di germi e batteri i bidoncini della spazzatura

I più letti della settimana

  • Domatore ucciso dalle tigri, la titolare del circo: "Non è stato sbranato, ferita accidentale"

  • Il quartiere Libertà piange Fransua: cordoglio e messaggi di ricordo sui social

  • Da Giovinazzo a Fesca trasportata dal mare mosso: gabbia per l'allevamento pesci recuperata dalla Guardia Costiera

  • In arrivo un'altra ondata di maltempo: allerta arancione per martedì, previsti temporali e grandine

  • Branco di lupi assalta allevamento nel Barese: "Decine di capre uccise"

  • Schianto in Tangenziale, auto finisce contro barriere tra Poggiofranco e Carrassi: code e rallentamenti

Torna su
BariToday è in caricamento