Usura ed estorsione, sequestrati beni per 10 milioni di euro

Sotto sigilli appartamenti, fondi agricoli, autovetture e conti correnti bancari di proprietà di due 50enni baresi condannati a giugno scorso dalla Corte d'Appello di Bari per estorsione e prestiti a tassi usurari

Tre appartamenti, una villa, un locale commerciale, quattro fondi rustici, nove autovetture e alcuni conti correnti bancari, per un valore complessivo di dieci milioni di euro. E' il patrimonio posto sotto sequestro dagli agenti della Squadra Mobile di Bari su disposizione del Tribunale.

I beni appartengono al 50enne S.D. e al 55enne R.C, condannati a giugno scorso dalla Corte d'Appello di Bari rispettivamente a 4 anni e 10 mesi e a 3 anni e 6 mesi di reclusione per i reati di usura ed estorsione. Secondo quanto accertato dalle indagini i due uomini, entrambi dipendenti del Policlinico, prestavano denaro a colleghi e commercianti pretendendo tassi di interesse pari al 60%. In alcuni casi, per costringere le vittime a restituire il denaro, i due le avrebbero minacciate e anche percosse, mentre ad alcuni commercianti "inadempienti" avevano prelevato la merce dal negozio non esitando a impossessarsi anche degli arredi.

Potrebbe interessarti

  • Abitano tra le vostre lenzuola, lo sapevate? Sono gli acari della polvere

  • Puntura di medusa: cosa fare e...cosa non fare

  • Come pulire il vetro del forno: i consigli per eliminare lo sporco ostinato

  • Piscine all'aperto a Bari e dintorni: quali e dove sono

I più letti della settimana

  • Moto prende fuoco dopo l'impatto con un'auto: giovane centauro muore sulla Statale 16

  • Bari vecchia set fotografico d'alta moda: le modelle di Versace tra le 'signore delle orecchiette'

  • Schianto in Tangenziale, almeno un ferito: auto si ribalta, coinvolto pulmino. Traffico in tilt e rallentamenti

  • "Mio figlio pestato in spiaggia", l'appello di un papà sui social: "Chi sa qualcosa ci aiuti"

  • Giornata da incubo sulla statale 16: auto fuori strada in direzione nord

  • Ragazzo picchiato a Palese, Decaro chiama il padre: "Aggredito perché bitontino"

Torna su
BariToday è in caricamento