Buche e dossi sempre più evidenti: via Caldarola ridotta a strada 'groviera'

Situazione sempre più difficile per il tratto compreso tra la zona 'Polivalente' e il mercato coperto. Le radici degli alberi creano gobbe pericolose deformando l'asfalto

Una strada groviera per le buche, ma anche a 'dorso di cammello' a causa delle radici degli alberi sempre più grandi e invadenti, capaci di formare pericolose gobbe sull'asfalto: via Caldarola, a Japigia, non è una strada a misura di auto e, soprattutto, moto e bici. Per lo meno non lo è il tratto dall'incrocio con via Prezzolini (altezza Polivalente) fino al mercato coperto, prima della zona totalmente riqualificata con rotatorie, ciclabili e asfalto nuovo, ovvero le centinaia di metri che dalla vecchia Arena Japigia portano in via Magna Grecia.

Il tratto 'incriminato', purtroppo, necessita di immediati interventi per evitare che possano verificarsi pericolosi incidenti. La zona più disastrada è decisamente quella a ridosso del mercato, in direzione centro, in particolare sul tratto sinistro della carreggiata, con le zone parcheggi e una corsia saempre più impraticabili su una strada estremamente trafficata e di scorrimento.Meno appariscenti, ma pur sempre evidenti per le auto, anche gli altri dosi presenti sul tratto immediatamente successivo al Polivalente, dove non ci sono attraversamenti pedonali e le auto raggiungono velocità decisamente più elevate.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Investito mentre attraversa la Tangenziale: un morto. Traffico bloccato sulla Statale 16

  • Pitbull senza guinzaglio semina il panico in pizzeria: si avventa contro cagnolino e lo uccide

  • Un nuovo McDonald's a Bari: al via le selezioni online per il personale, 80 posti disponibili

  • Sparatoria tra la folla nel centro storico di Bitritto: feriti un passante e un pregiudicato

  • Incidente in Tangenziale all'altezza di Santa Fara: traffico in tilt e code per chilometri

  • Pistola in pugno, assaltano negozio e fuggono con l'incasso di mille euro: padre e figlio in manette a Corato

Torna su
BariToday è in caricamento