Via Manzoni, degrado e negozi chiusi nella storica via dello shopping

La denuncia del consigliere Paolini sullo stato di abbandono della zona: "Subito un intervento del Comune per il rilancio della strada e dell'intero quartiere"

Un tempo era una delle strade baresi del commercio per eccellenza. Da qualche anno, però, le cose in via Manzoni stanno cambiando: la crisi costringe sempre più commercianti ad abbassare le saracinesche, mentre con sempre maggiore insistenza  i residenti lamentano lo stato di degrado della zona.

Troppo pochi, e inadeguati, secondo chi vive nel quartiere, gli interventi di riqualificazione messi in atto dal Comune. A farsi portavoce del malcontento dei cittadini è il consigliere del Gruppo misto Carlo Paolini, che in una nota chiede l'intervento del Comune e della Camera di Commercio per il rilancio dell'intera zona.

"Piccoli interventi, come ad esempio l'aver posizionato degli alberelli lungo i marciapiedi, - scrive Paolini - non bastano a coprire il vuoto dell'assenza di una visione e di una regia unitaria, in grado di predisporre un'articolata offerta di servizi a diversi livelli, condizione essenziale per la ripresa e il rilancio di una via storica del commercio barese". Secondo il consigliere, sarebbe necessaria "un'iniziativa politica dell'Amministrazione comunale, in sinergia con la Camera di commercio, che restituisca valore ad una via commerciale storica della nostra città e nel contempo produca sviluppo per tutte le vie che la incrociano. Proprio come è accaduto con via Sparano".

L'idea, spiega poi Paolini, è quella di fare di via Manzoni e di piazza Risorgimento un punto strategico in cui organizzare iniziative che attirino non soltanto i residenti della zona, ma anche i cittadini di altri quartieri. Un progetto che passa anche attraverso un miglioramento dei collegamenti con la zona, ad esempio facendo giungere i mezzi dell'AMTAB che svolgono il servizio del 'Park and Ride' sino a piazza Garibaldi. Una proposta lanciata qualche tempo fa anche da Vincenzo Angarano, presidente dell'associazione 'commercianti di via Manzoni e dintorni'.

"Il commercio di via Manzoni - sottolinea Paolini - sembra rimanere isolato da tutti gli eventi cittadini, anche durante il periodo natalizio, quando tutte le manifestazioni si concentrano nelle vie del centro murattiano". "I commercianti e gli stessi residenti - conclude il consigliere - ricordano che la centralità di via Manzoni può anche rappresentare la chiave per iniziare un recupero del quartiere Libertà, per far riscoprire la bellezza di alcuni suoi edifici storici, dei balconi in ferro battuto, dei suoi vecchi portoni in legno e non relegarlo soltanto quale teatro di eventi criminosi".
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' positivo al Covid ma va al lavoro al ristorante: scoperto 21enne, era in quarantena con l'intera famiglia

  • Il professor Lopalco ottimista sull'epidemia: "La prima ondata pandemica del covid-19 si è spenta"

  • Vieni a ballare in Puglia: verso la riapertura delle discoteche all'aperto

  • Riaprono le regioni, da domani via libera agli spostamenti: obbligo di segnalazione per chi arriva in Puglia

  • Coronavirus 'scomparso'? L'epidemiologo Lopalco: "Siamo in una fase di circolazione endemica, nessun terrorismo ma occorre attenzione"

  • Quattordici marittimi della Costa Crociere ricoverati per covid ad Acquaviva: "Tutti asintomatici"

Torna su
BariToday è in caricamento