Voragine si apre in viale Orazio Flacco: due bidoncini a protezione di passanti e auto

Circolazione rallentata ma attiva lungo l'importante strada di collegamento tra Poggiofranco, Picone e il centro cittadino. Verifiche anche sui tombini vicini

Traffico rallentato, questa mattina, su viale orazio Flacco a causa di piccola voragine che si è aperta al centro della strada. Sul posto sono intervenuti gli agenti della Polizia Locale per i primi rilievi in una delle arterie principali di accesso al centro dal quartiere Poggiofranco. Per evitare che veicoli o persone finiscano dentro la buca, sono stati collocati provvisoriamente due bidoncini della differenziata a protezione dell'incolumità pubblica. La circolazione fortunatamente non è bloccata: si può infatti transitare in entrambi i lati.

Sul posto anche i tecnici di Acquedotto pugliese e del Comune, che stanno effettuando verifiche anche sui tombini nelle vicinanze, per verificarne la stabilità. Così da evitare che la voragine possa allargarsi. Increduli i residenti, che ora richiedono al Comune una verifica dello stato del manto stradale, così da evitare rischi per chi passeggia in zona. Non è la prima volta che accade in città: a marzo scorso un altro buco si era aperto sulla carreggiata in via Zara, a Madonnella. Allora fu per una perdita idrica che compromise la stabilità dell'asfalto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ha un malore alla guida e finisce contro un'auto: incidente mortale a Poggiofranco

  • Blitz a Bari, raffica di arresti nel clan Parisi-Palermiti-Milella: smantellati arsenale da guerra e traffico di droga

  • Vigilessa 'stagionale' arrestata a Bari: è stata trovata con 50 grammi di eroina

  • Colpo al clan Parisi-Palermiti-Milella: i nomi degli arrestati nel blitz dei carabinieri a Bari

  • Capodanno a Bari con lo show in piazza Libertà: anche quest'anno il concerto in diretta su Canale 5

  • Terremoti e rischio tsunami, nel passato maremoti tra Bari e il Gargano. "Adriatico una casa in cui spostiamo sempre i mobili"

Torna su
BariToday è in caricamento