Petardo lanciato contro disabile ad Acquaviva, le scuse del vigile: "Gesto deprecabile"

"Sono fortemente mortificato per quanto è successo e vorrei poter fare qualcosa per rimediarvi" ha scritto l'agente in una lettera

Foto Ansa

Ha espresso le proprie scuse in una lettera al sindaco di Acquaviva delle Fonti, al segretario generale del Comune e al Comandante della Polizia Municipale della cittadina barese il vigile urbano ripreso in un video mentre faceva scoppiare un mortaretto tra i piedi di un disabile del paese da lui conosciuto. L'agente, il quale si è scusato anche con la vittima del gesto, ha formulato le scuse per il "spiacevolissimo episodio". Il vigile afferma di non volersi giustificare ma, allo stesso modo sente "di respingere - si legge - le accuse di chi mi rappresenta come persona insensibile ai problemi dei disabili. Il rapporto che c'era, c'è e spero ci sarà tra me" e il disabile "è stato, ed è, di quotidiana frequentazione e familiarità. Tanti concittadini potrebbero testimoniare che non gli ho mai negato la parola, l'ho sempre ascoltato e sono sempre intervenuto ogni qualvolta era deriso, molestato o maltrattato da altri concittadini.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il sindaco di Acquaviva: "Provvedimento disciplinare"

Per i vigile, il gesto "irripetibile e deprecabile" commesso "va colto nel contesto di questo rapporto personale tra me e lui. In quel maledetto momento non ho considerato come un disabile psichico ma come una persona che conosco da sempre, fin da quando sono nato. Sono fortemente mortificato per quanto è successo e vorrei poter fare qualcosa per rimediarvi". "Chiedo di venir giudicato per questo gesto - aggiunge - ma anche per quant'altro svolto in sedici anni di servizio. Saprete pure che ho cercato di adempiere al servizio a cui sono stato destinato anche quando non ero al meglio delle mie condizioni di salute".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il professor Lopalco ottimista sull'epidemia: "La prima ondata pandemica del covid-19 si è spenta"

  • "Se mi riprendi ti butto a mare": giornalista e operatore Rai aggrediti sul lungomare mentre filmavano gli assembramenti

  • Vieni a ballare in Puglia: verso la riapertura delle discoteche all'aperto

  • Quattordici marittimi della Costa Crociere ricoverati per covid ad Acquaviva: "Tutti asintomatici"

  • Coronavirus, al via i test sierologici gratuiti per l'indagine nazionale: 27 i Comuni della provincia di Bari coinvolti

  • Il sindaco Antonio Decaro ospite da Mara Venier a Domenica In: "A Bari solo 56 contagiati. Pugliesi bravissimi nella fase 1"

Torna su
BariToday è in caricamento