homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Venerdì 8 gennaio convocato a Bari il tavolo tecnico sul rinnovo dell’appalto per le pulizie negli uffici regionali che coinvolge 109 lavoratori

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

Tutto si era arenato proprio negli ultimi giorni dell’anno. Questa mattina a Bari la protesta dei lavoratori e lavoratrici davanti al palazzo della Giunta Regionale Pugliese. Solo in questo modo siamo siamo riusciti ad ottenere un tavolo tecnico per venerdì 8 gennaio alle ore 11. In quella occasione, la Regione Puglia attraverso i suoi dirigenti e assessori, si farà promotrice con il consorzio e le OO. SS. nel tentativo di trovare delle soluzioni.

Il segretario generale Cisl Fisascat Puglia Basilicata Vincenzo Riglietta che nei giorni scorsi ha denunciato con l’assegnazione del nuovo appalto al consorzio Apulo Campano, tagli del 35% delle ore, per dipendenti che in media non lavorano più di quindici ore settimanali, aggiunge oggi “E’ mai possibile che a pagare devono essere sempre le categorie più deboli, i giovani e le donne, ancora una volta vengono meno i più elementari diritti del reddito per lavoratori con figli. Si colpiscono dipendenti che già percepivano stipendi da fame e che ora lavoreranno per non più di 10 ore al mese.

L’augurio è che venerdì prossimo si possa intraprendere la strada giusta e trovare la soluzione alla questione”

Torna su
BariToday è in caricamento