Aeroporti di Puglia, aumentano i passeggeri. La Regione apre ai capitali privati

Cresce il numero di turisti in transito negli scali di Bari e Brindisi nei primi sette mesi del 2012. Pronto il bando internazionale per l'ingresso dei privati nella società posseduta al 99,41% dalla Regione

Cresce il traffico passeggeri negli aeroporti pugliesi e la Regione pensa al "salto di scala" per il sistema della mobilità aeroportuale regionale, aprendo all'accesso dei capitali privati nella società Aeroporti di Puglia.

A confermare la performance positiva dei due scali di Bari e Brindisi sono i dati relativi ai primi sette mesi del 2012, che hanno fatto registrare un aumento complessivo Aeroporti pugliesi: crescono i passeggeri a Bari e Brindisi
del 6,2% rispetto allo stesso periodo del 2011
.
La presentazione dei dati è stata accompagnata ieri dall'annuncio, da parte della Regione Puglia, di un prossimo bando per la ricerca di un partner privato.

"È il momento propizio per il nostro sistema aeroportuale di fare un salto di scala, di entrare nel network globale della mobilità aerea”, ha esordito l’assessore regionale alle infrastrutture strategiche e mobilità Guglielmo Minervini presentando in conferenza stampa con il Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola e il direttore generale di Aeroporti di Puglia Marco Franchini la delibera di orientamento presentata qualche giorno fa in Puglia.

Al momento, la società Aeroporti di Puglia SpA è posseduta per il 99,41% dalla Regione Puglia e per il restante 0,59% da una pluralità di azionisti pubblici (Province, Comuni e Camere di Commercio pugliesi). Con il procedimento allo studio, la Regione resterà azionaista di maggioranza ma avvierà la ricerca di un partner privato con l'obiettivo di inserire AdP nel network di collegamenti e di relazioni internazionali, nel settore del trasporto aereo, della logistica, del turismo, dei servizi aviation e non. Gli obiettivi di questa operazione sono tre: consolidare il capitale sociale dell’azienda e assicurare il mantenimento dei livelli occupazionali, potenziare il parco di collegamenti low cost che sono diventati un patrimonio di democratizzazione della mobilità aerea sviluppando le vocazioni territoriali dei singoli aeroporti. Infine irrobustire la rete di collegamenti internazionali del sistema aeroportuale nell’economia del territorio e nei mercati internazionali.

“Ci aspettiamo - ha concluso Minervini - importanti contributi per incastonare l’aeroporto di Grottaglie nel sistema legato al cargo aereo, di sviluppare su Brindisi le potenzialità di sviluppo turistico dell’area salentina, a Foggia la valorizzazione del collegamento con il Gargano e i santuari religiosi e a Bari vogliamo provare a sperimentare lo sviluppo inedito di forme di low cost anche sui voli intercontinentali”

 



Potrebbe interessarti: http://www.baritoday.it/economia/aeroporti-pugliesi-crescita-passeggeri-bari-brindisi.html
Leggi le altre notizie su: http://www.baritoday.it/ o seguici su Facebook: http://www.facebook.com/pages/BariToday/211622545530190

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Investito mentre attraversa la Tangenziale: un morto. Traffico bloccato sulla Statale 16

  • Pitbull senza guinzaglio semina il panico in pizzeria: si avventa contro cagnolino e lo uccide

  • Un nuovo McDonald's a Bari: al via le selezioni online per il personale, 80 posti disponibili

  • Sparatoria tra la folla nel centro storico di Bitritto: feriti un passante e un pregiudicato

  • Incidente in Tangenziale all'altezza di Santa Fara: traffico in tilt e code per chilometri

  • Pistola in pugno, assaltano negozio e fuggono con l'incasso di mille euro: padre e figlio in manette a Corato

Torna su
BariToday è in caricamento