Tirocini da 450 mensili per gli under 30 baresi: il progetto Ba29 contro la disoccupazione giovanile

L'iniziativa è stata presentata questa mattina a Palazzo di Città: consntirà di effettuare esperienze lavorative di 6 mesi. Da lunedì aperto il bando per le imprese proponenti

"Spero che come per i cantieri cittadinanza il 15% almeno dei tirocini possa trasformarsi in un lavoro. E' uno strumento importante perché permette il contrasto a una disoccupazione fortissima per i giovani baresi". Quattrocentocinquanta euro mensili per sei mesi, attraverso un tirocinio lavorativo: è il concetto alla base di Ba29, la nuova misura per favorire l'inserimento lavorativo creata dal Comune di Bari in collaborazione con sindacati e associazioni di categoria, dedicata alla fascia di popolazione tra i 16 e i 29 anni con reddito Isee inferiore ai 6mila euro. A disposizione c'è 1,9 milioni di euro per fondi Pon. Da lunedì sarà aperto il bando dedicato ai soggetti proponenti, ovvero a imprese, associazioni, parrocchie e studi che potranno proporsi per ospitare i tirocinanti. Queste riceveranno un contributo una tantum di 300 euro per l'attivazione. Tra un mesetto circa, invece, saranno aperte le iscrizioni per i candidati tirocinanti. Le due 'graduatorie', poi, saranno incrociate con le aziende che selezioneranno i profili richiesti. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le altre iniziative in cantiere

La misura è stata presentata questa mattina a Palazzo di Città, dove è stato tracciato un quadro delle iniziative simili predisposte negli anni scorsi: "Con i cantieri di cittadinanza - spiega il sindaco Antonio Decaro -, ovvero tirocini per persone con reddito inferiore ai 3mila euro, abbiamo avviati 745 e conclusi 493. Per noi è stato uno strumento di contrasto alla povertà ma era contemporaneamente una politica al lavoro fatta dal Comune. Ora i cantieri di cittadinanza sono stati sostituiti dal Red Regionale e dal Rei. I primi però hanno un percorso più complesso rispetto al progetto da noi lanciato oggi". Decaro spiega la strategia per incrementare il lavoro in città e tagliare il pesante tasso di inoccupati tra i giovani, che sfiora il 50%: "Tre gambe d'azione, dai presidi imprese a porta futuro 1. Stiamo per aprire, a tal proposito, la seconda parte di questa struttura dove vi sarà un incubatore startup per under 20. Poi, oltre ai cantieri di cittadinanza, anche il bando Map per il commercio, la card della cultura. la terza parte, invece, è fatta di hub come l'Officina degli esordi e lo spazio 13". Il bando Ba29 sarà seguito da altre due misure, denominate Urbis e Abilita: la prima, in particolare, avrà l'obiettivo di creare nuove realtà sociali di prossimità nei quartieri semiperiferici e periferici attraverso l’attribuzione di un sostegno del valore compreso tra 15.000 e 35.000 euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' positivo al Covid ma va al lavoro al ristorante: scoperto 21enne, era in quarantena con l'intera famiglia

  • Riaprono le regioni, da domani via libera agli spostamenti: obbligo di segnalazione per chi arriva in Puglia

  • Coronavirus 'scomparso'? L'epidemiologo Lopalco: "Siamo in una fase di circolazione endemica, nessun terrorismo ma occorre attenzione"

  • Il sindaco Antonio Decaro ospite da Mara Venier a Domenica In: "A Bari solo 56 contagiati. Pugliesi bravissimi nella fase 1"

  • L'estate non decolla su Bari e provincia: in arrivo forti raffiche di vento, nuova allerta meteo

  • La protesta dei 'gilet arancioni' in piazza Prefettura a Bari : "Il governo deve andare a casa"

Torna su
BariToday è in caricamento