Banca Popolare di Bari, 200 milioni di fondi Bei a disposizione delle Pmi del Mezzogiorno

La somma sarà erogata nel triennio 2018-2020 nell'ambito dell'iniziativa Smei lanciata dalla Commissione Europea con il gruppo della Banca Europea degli Investimenti

La Banca Popolare di Bari si è impegnata ad erogare, nel triennio 2018-2020, circa 200 milioni di euro alle Pmi del Mezzogiorno, nell'ambito dell'iniziativa Smei lanciata dalla Commissione Europea con il gruppo Bei (Banca Europea degli Investimenti) con l'obiettivo di migliorare l'offerta di fonti di finanziamento delle piccole e medie aziende. La banca barese, assistita da Banca Finint in qualità di advisor, è uno degli intermediari selezionati dalla Bei per promuovere lo strumento Smei in Italia, che contempla la combinazione di diverse risorse: tra cui fondi strutturali e di investimento europei, fondi nazionali messi a disposizione dal Ministero dello Sviluppo Economico nell'ambito del programma operativo 'Iniziativa PMI' e risorse del bilancio UE attraverso il programma per la competitività delle imprese e delle piccole e medie imprese e fondi Bei.

Potrebbe interessarti

  • 8 trucchi per togliere le pieghe sui vestiti senza usare il ferro da stiro

  • Ferragosto 2019: gli eventi a Bari e provincia

  • Dite addio alle sigarette: i trucchi e i consigli per smettere di fumare

  • Le tignole mangiano il guardaroba: i rimedi per eliminarle dal nostro armadio

I più letti della settimana

  • L'alga tossica 'invade' il litorale barese, le analisi Arpa: alte concentrazioni da Giovinazzo a San Giorgio

  • Si sente male in vacanza in Salento, ricoverata da Lecce a Bari: muore bimba di un anno

  • Annega in mare a Metaponto, muore mamma 26enne residente nel Barese. Salva la figlia di 6 anni

  • Motociclista cade sulla provinciale vicino Altamura: perde la vita centauro 39enne

  • Bimba di 2 anni colpita da Seu: ricoverata in gravi condizioni al Giovanni XXIII

  • Caldo con le ore contate: oggi e domani ultimi giorni di afa, da Ferragosto crollo delle temperature

Torna su
BariToday è in caricamento