Sorgenia lascia Olisistem, scioperano i dipendenti del call center di Modugno: "Posti di lavoro a rischio"

La società, principale committente della struttura che impiega circa 440 operatori, avrebbe deciso di rescindere il contratto. L'appello dei lavoratori preoccupati per il futuro: "Sorgenia resta con noi"

Si sono fermati per una mattinata, per richiamare l'attenzione sulla situazione della loro azienda e sulle incertezze che incombono su circa 440 lavoratori. Sono i dipendenti di Olisistem Start, call center di Modugno.

Nel sit-in organizzato davanti alla sede dell'azienda, i lavoratori hanno lanciato un particolare appello rivolto a Sorgenia, principale committente del call center, che sarebbe ormai decisa a lasciare la struttura, spostando le proprie attività in un call center di Molfetta. Una decisione, dicono i lavoratori, assunta "in virtù di motivazioni fumose". La preoccupazione principale dei lavoratori è che, venuto meno il committente principale, la sede sia "destinata a chiusura certa, con un’irrimediabile ricaduta in termini occupazionali".

La posizione di Sorgenia: "Nessun esubero"

In merito alla vicenda, Sorgenia ha comunicato che "tutti i lavoratori che operano nel call center Olisistem Start Srl esclusivamente nei servizi di assistenza telefonica per Sorgenia saranno rilevati da Network Contacts Srl". Lavoratori che afferma l'azienda in una nota "rappresentano un patrimonio per Sorgenia e che saranno quindi trasferiti insieme alla commessa alla nuova società di servizi. Non ci sarà dunque nessun esubero né tra i lavoratori dipendenti né tra il personale somministrato". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I timori dei lavoratori e l'appello alla società

Gli stessi dipendenti impegnati sulle attività Sorgenia (circa 190), però, si dicono "scettici" rispetto all’applicazione della clausola sociale che consentirebbe ai lavoratori di seguire la commessa verso la società molfettese (che a detta dei lavoratori avrebbe già problemi di esuberi), poiché "la clausola non prevede alcun automatismo di applicazione". Inoltre, i lavoratori si troverebbero a doversi spostare su un'altra sede distante 40 km dall'attuale a proprie spese. Ancora, aggiungono i lavoratori, "la stessa Olisistem Start, nel corso di numerosi incontri avvenuti nei giorni scorsi", avrebbe "prospettato alla committente Sorgenia varie opzioni – economicamente e operativamente vantaggiose per entrambe ma socialmente indolori", che l'azienda avrebbe però rigettato. Di qui lo sciopero di quesra mattina, affinché Sorgenia "riveda le proprie posizioni e riapra un tavolo di trattativa in direzione di una soluzione, certamente percorribile, a impatto sociale contenuto".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il professor Lopalco ottimista sull'epidemia: "La prima ondata pandemica del covid-19 si è spenta"

  • "Se mi riprendi ti butto a mare": giornalista e operatore Rai aggrediti sul lungomare mentre filmavano gli assembramenti

  • Vieni a ballare in Puglia: verso la riapertura delle discoteche all'aperto

  • Superbonus al 110%, ristrutturare casa a costo zero: chi può richiedere la detrazione e quali lavori effettuare

  • Quattordici marittimi della Costa Crociere ricoverati per covid ad Acquaviva: "Tutti asintomatici"

  • Coronavirus, al via i test sierologici gratuiti per l'indagine nazionale: 27 i Comuni della provincia di Bari coinvolti

Torna su
BariToday è in caricamento