Chiude lo stabilimento Saicaf di Bari: "A rischio i posti di lavoro della produzione"

La notizia diffusa dai sindacati, che hanno proclamato uno sciopero a oltranza dal 12 settembre: lo stop definitivo sarebbe fissato entro il mese. A rischio i lavoratori del reparto produzione e magazzino

Foto dal sito Saicaf.it

Stabilimento Saicaf di Bari verso la chiusura e lavoratori della produzione senza alcuna certezza sul loro futuro occupazionale. E' lo scenario denunciato dai sindacati che, dando notizia della prossima dismissione della fabbrica, annunciano uno sciopero a oltranza a partire da giovedì 12 settembre, con astensione dal lavoro per l'intero turno.

L'allarme dei sindacati: "Nessuna certezza per i lavoratori"

"Per i  lavoratori attualmente occupati nel reparto produzione, ad oggi, non c’è nessuna certezza lavorativa - scrivono in una nota i sindacati Flai Cgil e Uila Uil - Questa la doccia fredda che gli operai della nota torrefazione barese hanno ricevuto nella riunione del 6 agosto 2019, attraverso una comunicazione ufficiale della proprietà. Una notizia che arrivava dopo mesi di tentennamenti del management sul futuro dell’azienda. Nell’incontro di agosto tra le rappresentanze sindacali e la direzione aziendale la proprietà aveva resa nota per la prima volta, nonostante i reiterati solleciti di Flai e Uila, la dismissione dello stabilimento di Bari tra il mese di agosto e quello di settembre, con relativa cessione del terreno". La storica torrefazione, fondata nel 1932, conta complessivamente in organico più di 40 unità, di cui una quindicina sarebbero quelli dei reparti produzione e magazzino messi a rischio dalla chiusura. Dal mese di agosto - riferiscono i sindacati - ha avuto luogo il trasferimento degli uffici e del relativo personale impiegatizio presso i nuovi uffici ubicati nel centro città, trasferimento di cui le organizzazioni sindacali non hanno ricevuto comunicazione alcuna.

Sciopero a oltranza: "L'azienda chiarisca"

“Alla luce di tutto ciò le organizzazioni sindacali – scrivono Anna Lepore e Pietro Buongiorno, Segretari Generali di Flai e Uila - hanno inoltrato richiesta di incontro urgente alla direzione aziendale Saicaf, nella quale si specificava la necessità di essere ricevuti entro il giorno 6 settembre al fine di ricevere comunicazioni relative agli intendimenti aziendali in merito alla tutela e alla salvaguardia dei posti di lavoro messi in discussione. A tale richiesta l’azienda ha risposto il 4 settembre  convocando tale incontro per il giorno 30 del corrente mese. A seguito di ciò Flai e Uila, ritenendo tardiva la suddetta convocazione e quindi del tutto ininfluente rispetto agli sviluppi della situazione aziendale, che sicuramente si verificheranno nelle prossime ore, hanno indetto lo sciopero ad oltranza a partire da giovedì 12 settembre. Si sciopererà fino a quando dall’azienda non giungeranno gli opportuni chiarimenti e non si darà garanzia sul futuro dei lavoratori attualmente occupati”.
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Autovelox a Santa Caterina", la voce corre su social e smartphone. La Polstrada: "Nessuna comunicazione ricevuta"

  • Abbonamenti abusivi alla tv a pagamento, blitz in Italia e in Europa: scattano gli arresti, centrale anche a Bari

  • A folle velocità sulla statale con il lampeggiante acceso sull'auto: 55enne barese fermato nel Brindisino

  • Desiderate che il vostro bucato sia profumato? Tutto dipende dalla pulizia della vostra lavatrice

  • Trema la terra in Albania: doppia scossa di terremoto avvertita anche a Bari

  • Week-end del 21 e 22 settembre 2019: gli eventi a Bari e provincia

Torna su
BariToday è in caricamento