Emergenza coronavirus, a Bari aziende metalmeccaniche chiuse fino al 3 aprile: scatta la cassa integrazione

La misura coinvolgerà Bosch, Oerlikon Graziano, Magneti Marelli, Skf e Magna International. La Uilm Bari: "Ha prevalso il senso di responsabilità da parte di tutti ed è stata imboccata la strada del buonsenso"

La Bosch di Bari (Immagine di repertorio)

I siti baresi delle principali aziende metalmeccaniche sospenderanno l’attività produttiva almeno fino al prossimo 3 aprile, facendo ricorso alla cassa integrazione ordinaria. La misura coinvolgerà Bosch, Oerlikon Graziano, Magneti Marelli, Skf e Magna International ed è stata presa nell'ambito delle decisioni legate all'emergenza coronavirus, nonostante l'ultimo decreto del presidente del Consiglio Giuseppe Conte, con cui vengono chiuse le aziende, non preveda si applichi al settore metalmeccanico. A comunicarlo, in una nota, la Uilm Bari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Alla fine - spiega Riccardo Falcetta, segretario generale Uilm Bari - ha prevalso il senso di responsabilità da parte di tutti ed è stata imboccata la strada del buonsenso così come auspicato dal sindacato: la priorità deve essere la tutela della salute delle lavoratrici e dei lavoratori, giusto assumere la decisione di sospendere temporaneamente i processi produttivi.Ora - continua Falcetta - resta il nodo legato a tante e piccole medie imprese del territorio provinciale. Bisogna fare un’attenta ricognizione per capire quali tra queste realtà sono davvero essenziali, così come disposto dal decreto, per il bene e l’interesse collettivo e quali, invece, potranno seguire l’esempio dei grandi siti produttivi locali. Nel primo caso, comunque, sarà necessario verificare e vigilare sull’esistenza di tutte le misure di prevenzione e tutela della sicurezza sanitaria delle lavoratrici e lavoratori che dovranno proseguire l’attività produttiva”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, tre nuovi casi in Puglia: due sono in provincia di Bari. Non si registrano decessi

  • Pesce e molluschi non tracciati pronti per la vendita: chiuso stabilimento ittico a Bari, scattano sanzioni salate

  • Spari nel bar affollato dopo la lite in strada, preso 32enne: era anche ricercato per traffico di droga

  • Tre nuovi casi di Coronavirus in Puglia: un contagio registrato in provincia di Bari

  • Vento forte e rischio temporali, maltempo in arrivo anche sul Barese

  • Traffico di droga, spaccio e auto rubate: blitz dei carabinieri nel Barese, sei arresti

Torna su
BariToday è in caricamento