Eataly Bari: nuovo look e tante novità

Restyling degli spazi interni,un nuovo concept di ristorazione, terrazze aperte tutto l’anno vista mare, più produttori locali e un’offerta ancora più ricca per la pausa pranzo

Non solo restyling degli spazi interni ma anche un nuovo concept di ristorazione, terrazze aperte tutto l’anno, più produttori locali e un’offerta ancora più ricca per la pausa pranzo: Eataly Bari è pronto a riaprire con tante novità.

Ce le racconta Davide Ucchino​, giovane store manager ma già con numerose esperienze, che guida questa “rivoluzione” barese che inizia prima di tutto dalla redistribuzione degli spazi. Il megastore del gruppo fondato da Oscar Farinetti ha scelto di concentrare la sua offerta sempre nella sede in area Fiera del Levante ma su di un unico piano: il più bello, quello con le terrazze protese sul mare Adriatico. “C’è tutto ciò a cui i clienti erano abituati, con prezzi ancora più convenienti grazie al programma Carrello”, sottolinea Ucchino.

davide-ucchino-bari-2

Il restyling ha reso l’area ristorazione, più accogliente e mediterranea con la possibilità di pranzare e cenare, oppure prendere un caffè o un cocktail tutto l’anno vista mare sulle terrazze, grazie alla nuova copertura delle stesse e ad un nuovo sistema di climatizzazione.

C’è attesa per il nuovo format di ristorazione “Le Cucine del Mercato”, già introdotto nel megastore di Torino: i clienti potranno scegliere dai banchi dei freschi i prodotti che preferiscono e i cuochi cucineranno tutto al momento. Stessa opportunità i vini: si potrà scegliere da una carta di circa 150 etichette. Restano i celebri panzerotti di Eataly, ma farciti con gli ingredienti del mercato quotidiano e fritti al momento, e poi i “Menù del Mercato”: i migliori piatti del giorno in una formula ancora più conveniente.

Al ristorante di Eataly si affiancherà “Gagang”, il ristorante di Michele Carofiglio, che gestirà la pescheria interna e proporrà crudi di mare e pesce fritto.

Nella nuova Cantina, ancora più ricca, uno spazio importante è dato all’eccellenza pugliese dei rosati: oltre 100 etichette dove si racconta la viticoltura pugliese, l’offerta nazionale ed estera di vini rosati. Anche la carta dei vini di “Le Cucine del Mercato” ne dedicherà una ampia sezione. La nuova Cantina è ancora più conveniente e mensilmente saranno presentati tre vini (uno bianco, un rosso, un rosato) a 5 euro, per stimolare i clienti a scoprire nuovi vini e vitigni. I vini saranno sempre degustabili in enoteca.

Infine, i produttori locali, ai quali da sempre Eataly presta grande attenzione: tanti nuovi partner racconteranno e venderanno i loro prodotti dietro ai banchi: da Antonio Cera (pane) a Vito Dicecca (formaggi), da Pietrasanta (frutta e verdura) a Gentile (gelato). Continuano le collaborazioni storiche con Natura e Qualità (frutta e verdura), La Vermicocca (piante e fiori), Vento (pasticceria), i Produttori di Porta del Sud e del Parco del Pollino.

eataly bari-2

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Investito mentre attraversa la Tangenziale: un morto. Traffico bloccato sulla Statale 16

  • Pitbull senza guinzaglio semina il panico in pizzeria: si avventa contro cagnolino e lo uccide

  • Un nuovo McDonald's a Bari: al via le selezioni online per il personale, 80 posti disponibili

  • Sparatoria tra la folla nel centro storico di Bitritto: feriti un passante e un pregiudicato

  • Incidente in Tangenziale all'altezza di Santa Fara: traffico in tilt e code per chilometri

  • Pistola in pugno, assaltano negozio e fuggono con l'incasso di mille euro: padre e figlio in manette a Corato

Torna su
BariToday è in caricamento