Nuovi commissari per la Mercatone Uno, domani l'incontro al Mise: "Cig vicina ma più bassa del Reddito di Cittadinanza"

Davanti alla Regione i lavoratori hanno atteso il sì all'ordine del giorno sostenuto da tutte le forze politiche per dare ulteriore spinta al Ministero affinchè la questione venga risolta

Si svolgerà domani, a Roma, un nuovo incontro sulla vertenza Mercatone Uno, dopo il fallimento della società e la chiusura dei punti vendita in tutta Italia, tra cui quelli di Bari e Terlizzi dove erano impiegate 100 persone: al Ministero dello Sviluppo Economico, assieme a parti sociali e fornitori, vi saranno anche i tre nuovi commissari, Giuseppe Farchione, Luca Gratteri e Antonio Cattaneo, nominati ieri dopo l'estrazione a sorte tra le oltre 240 domande pervenute per il ruolo, a seguito delle dimissioni dei tre precedenti, ufficializzate una settimana fa. 

Per la Cig si attende la firma dei nuovi commissari

Tra le novità sul tavolo, anche il via alla Cassa Integrazione per i dipendenti: al momento serve la firma proprio dei nuovi commissari che avverrà dopo l'insediamento. Stamane, in Consiglio regionale, decine di lavoratori hanno atteso l'approvazione di un ordine del giorno (sostenuto da tutte le forze politiche) che sostiene ulteriormente le loro istanze, sollecitando il Mise a intervenire e mettendo a disposizione anche ulteriori strumenti della regione per le politiche attive dell'occupazione: "Saremo riagganciati alla vecchia amministrazione straordinaria - spiega a BariToday Franco Veneto, Rsa Mercatone Uno - e la Cassa Integrazione sarà prevista fino a fine anno. C'è in ballo, comunque, l'ipotesi di collegarla al decreto Salva Genova per aggiungere, di fatto, un altro anno alla Cig". Le mensilità che spetteranno ai lavoratori, però, saranno molto basse poiché si terrà conto delle nuove condizioni lavorative, ridotte a part time (28, 24 o anche solo 20 ore), dovute all'accordo con Shernon, subentrata un anno fa: "La cassa integrazione erogata - dice Veneto - sarà fondamentalmente meno del reddito di cittadinanza. Per noi è una vittoria, in ogni caso. Non era scontato riuscire ad attivare le procedure per la Cig. Purtroppo, però, usciamo da un fallimento e rientriamo in un'amministrazione straordinaria".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aggualto a colpi di pistola tra i vicoli di Triggiano: pregiudicato 36enne ferito

  • Trema la terra nel Barese: scossa di terremoto ad Alberobello

  • "Dove si colloca l'Iran nel globo?" E gli americani indicano la Puglia: i risultati (tutti da ridere) del sondaggio

  • Bari 'spartita' tra 11 clan, la mappa della malavita in città e in provincia: "Panorama in continua evoluzione"

  • Chiude un altro negozio storico in città: addio a Ventrelli, al suo posto nascerà un casinò

  • Addio a Mimmo Lerario, scomparso lo storico chef del ristorante Ai 2 Ghiottoni

Torna su
BariToday è in caricamento