"Tre lavoratori" non assunti da Nativa dopo il subentro a Ercav, protesta davanti al Municipio di Mola

Secondo i sindacati, l'azienda avrebbe dovuto assumere tutti gli oltre 40 lavoratori "in base all'ex decreto legislativo 231/01"

Protesta, questa mattina, davanti al Municipio di Mola di Bari, da parte della Fp Cgil sulla mancata assunzione da parte della Navita, società subentrata alcune settimane fa alla Ercav nella gestione dei rifiuti della cittadina barese. Il passaggio è avvenuto dopo che il ricorso da Ercav, ramo societario dell'ex Lombardi Ecologia, colpita da un'interdittiva antimafia, era stato respinto dal Tar. 

Secondo i sindacati, Navita avrebbe dovuto assumere tutti gli oltre 40 lavoratori di Ercav "in base all'ex decreto legislativo 231/01". I dipendenti e le rappresentanze sindacali hanno incontrato, in mattinata, il sindaco di Mola, Giuseppe Colonna, che ha assicurato la propria solidarietà e l'impegno a integrare questi lavoratori.

Potrebbe interessarti

  • ''U scazzecappetìte'': sapete cos'è?

  • Cos'è la Malmignatta e cosa fare in caso di morso

  • 7 consigli per eliminare il cattivo odore delle ascelle

  • Animali domestici: le regole da rispettare se vivi in un condominio

I più letti della settimana

  • Si sottopone a operazione per dimagrire, madre 35enne muore dopo bendaggio gastrico alla clinica Mater Dei

  • Battiti Live a Bari, svelato il cast: ecco chi sarà sul palco per il gran finale

  • Punta la pistola contro universitari e pretende di parcheggiare: "Toglietevi da lì", paura per 3 ragazzi a San Pasquale

  • Dal gioco d'azzardo alle estorsioni agli imprenditori: la mappa dei racket dei clan in città

  • Morta dopo intervento per dimagrire alla Mater Dei, indagati 3 medici: domani l'autopsia

  • Furbetti del cartellino all'ospedale San Giacomo di Monopoli: i nomi dei 13 arrestati

Torna su
BariToday è in caricamento