Alta capacità Bari-Napoli, il Cipe stanzia 790 milioni

Il comitato interministeriale per la programmazione economica stanzia 3,9 miliardi di euro per le reti ferroviarie per il Mezzogiorno. 790 milioni saranno destinati allo sviluppo dell'asse ferroviario Bari-Napoli

790 milioni di euro: è questo il finanziamento stanziato dal Cipe per la realizzazione dell'alta capacità ferroviaria Bari-Napoli. La decisione è stata annunciata oggi al termine della riunione del Comitato Interministeriale per la Programmazione economica tenutasi a Roma. Nel complesso il Cipe ha deciso lo stanziamento di 3,9 miliardi di euro da destinare alle reti ferroviarie delle regioni meridionali. Oltre all'asse Bari-Napoli, infatti, i fondi andranno a coprire i lavori sulle tratte Salerno-Reggio Calabria (240 milioni), Potenza-Foggia (200 milioni).

"Oggi il Cipe ha decretato un passaggio storico che mette definitivamente la parola fine alla questione dei fondi per questa infrastruttura strategica per la Puglia", ha commentato l'assessore regionale alla Mobilità Gugliemo Minervini. "Il Cipe - spiega Minervini - ha approvato il progetto limitatamente al tratto Sud, dando il via libera al finanziamento di oltre 390 milioni di euro necessari alla realizzazione del cosiddetto 'collo d'ocà che libererà Bari dai binari nella fascia costiera che va da San Giorgio a Torre a Mare". "La nostra azione - conclude l'assessore - non si ferma qui. Adesso la palla passa a Rfi chiamata a realizzare nel più breve tempo possibile il progetto definitivo per andare in gara. Continueremo a prestare la massima attenzione perché si riducano ulteriormente i tempi di realizzazione del nodo ferroviario che potrà, una volta realizzato, svolgere il naturale ruolo di cerniera per potenziare il trasporto intermodale sulla linea Adriatica e offrire all'intero sistema economico regionale una valida alternativa al trasporto stradale delle merci e delle persone".

Intanto sempre oggi il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, ha scritto una lettera al ministro per lo Sviluppo economico, Corrado Passera, sollecitando la convocazione di un tavolo sulla situazione del trasporto ferroviario in Puglia. La richiesta ha fatto seguito agli accordi presi con il governo nazionale durante la riunione dello scorso 17 gennaio. Nella lettera Vendola parla di "insufficienza del servizio di Trenitalia spa sul nostro territorio", sottolineando quindi "l'urgenza" della riunione tecnica.


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bari 'spartita' tra 11 clan, la mappa della malavita in città e in provincia: "Panorama in continua evoluzione"

  • Trema la terra nel Barese: scossa di terremoto ad Alberobello

  • Sete da cammello e notte insonne dopo aver mangiato la pizza: perchè succede?

  • Addio a Mimmo Lerario, scomparso lo storico chef del ristorante Ai 2 Ghiottoni

  • Traffico di droga, blitz della polizia: smantellata organizzazione transnazionale italo-albanese

  • Nonnina fortunata a Bari: 90enne si aggiudica 200mila euro al Gratta e Vinci

Torna su
BariToday è in caricamento