Prevedere l'impatto delle attività umane sull'ambiente: presentati i risultati della piattaforma Ismael

Il sistema è stato sperimentati nel porto di Bari e in aree urbane limitrofe al porto: monitorati i parametri di aria e acqua

Ieri 26 febbraio DBA Lab - società operativa del gruppo DBA e attiva in Puglia dal 2015 - ha illustrato i risultati della piattaforma ISMAEL che è stata progettata per predire l’impatto ambientale delle attività antropiche ed essere applicabile alle città portuali e alle infrastrutture in tutto il mondo, secondo i paradigmi di internet of things e machine learning e supportata da una riproduzione in digital twin del porto.

“La nostra regione deve essere un polo di sviluppo della blue e della green economy e far posto a una maggiore vivibilità a tutela del benessere collettivo e della salute”. Così l’Assessore regionale allo Sviluppo Economico, Cosimo Borraccino, salutando la platea, ha introdotto il suo intervento sul progetto ISMAEL che è stato cofinanziato dalla Regione Puglia. La presentazione dei risultati progettuali è avvenuta alla presenza anche del Presidente e fondatore di DBA Group, Francesco De Bettin che si è detto onorato di convogliare gli investimenti in una delle regioni più belle al mondo e che può aspirare a diventare una nuova Silicon Valley, dell’Assessore all’Urbanistica e delle Politiche del territorio del comune di Bari, Carla Tedesco che ha sottolineato il rapporto profondo e produttivo che ha la città di Bari con il porto, e del Segretario generale dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Meridionale, Tito Vespasiani, il quale ha definito l’esperienza ISMAEL lungimirante ed estensibile a tutte le altre realtà portuali di Puglia nell’ottica della ecosostenibilità e dello sviluppo.

Il sistema ISMAEL è stato sperimentato nel porto di Bari e in aree urbane limitrofe al porto dando vita a una reportistica in tempo reale e alla creazione di modelli affidabili e testati in grado di correlare fonti diverse e predire i fenomeni studiati nei giorni successivi all’evento e simulare diversi scenari. Nel progetto sono stati coinvolti oltre all’ADSP, l’ARPA Puglia, il comune di Bari, il CNR e DHI leader nel settore della modellistica marina, DHI. I parametri dell’aria (per esempio il PM10, Monossido di Azoto), sono stati monitorati su una rete di 7 centraline tra il porto e la città (nelle aree di Caldarola, Carbonara, Stadio del Nuoto e il I Municipio), quelli dell’acqua su 2 sonde parametriche ancorate alle banchine portuali definendo per esempio torbidità, mg/L e temperatura. A queste fonti si sono aggiunte le navi secondo i dati AIS e i veicoli in arrivo e partenza dal porto. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’investimento del progetto è pari a 1.351.824,84 euro, di cui il 54% cofinanziato da fondi regionali “Programma Operativo FESR 2014-2020 Obiettivo Convergenza”, e il resto è finanziato direttamente dalla società DBA Lab che nel 2016 ha investito in Puglia aprendo una nuova sede. La conclusione del progetto coincide con i tre anni della nascita della nuova sede pugliese di DBA, a Lecce, dove ad oggi sono impiegati 22 laureati e sono tutt’ora in corso attività di recruitment per diplomati e laureati in informatica, statistica, matematica, fisica e ingegneria da destinare a progetti con grandi clienti nel settore delle infrastrutture, di trasporto, energia e telecomunicazioni. La sede pugliese è oggi per DBA Group il cuore tecnologico di un gruppo con più di 500 persone, 12 sedi in Italia e 8 sedi all’estero.
DBA Lab è altresì impegnata con altre 20 risorse pugliesi che si aggiungono al personale delle sedi di Milano nella progettazione e lavori della fibra ottica nelle città di Bari, Taranto, Brindisi e Lecce grazie a un contratto di fornitura con Open Fiber. Al momento le unità immobiliari coinvolte dai progetti della fibra ottica e seguite da DBA nella sola città di Bari sono 147mila.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Se mi riprendi ti butto a mare": giornalista e operatore Rai aggrediti sul lungomare mentre filmavano gli assembramenti

  • Le Frecce Tricolori tornano a Bari: il 28 maggio tappa del 'Giro d'Italia' per le vittime del Covid-19

  • In Puglia 27 nuovi casi di Coronavirus, Lopalco rassicura sull'impennata dei contagi: "Numeri riferiti a periodi precedenti"

  • Superbonus al 110%, ristrutturare casa a costo zero: chi può richiedere la detrazione e quali lavori effettuare

  • Sette grandi personalità per far ripartire la Puglia: è il gruppo strategico nominato da Michele Emiliano

  • Le Frecce Tricolori arrivano a Bari. Sorvolo in mattinata, la Prefettura: "Evitate gli assembramenti"

Torna su
BariToday è in caricamento