Prezzo dell'olio giù e le olive nel Barese c'è chi pensa di non raccoglierle più: "Conviene lasciarle sugli alberi"

L’extravergine viaggia a un prezzo medio di 4,29 euro al kg, contro i 5,48 di un anno prima. “Un prezzo – rimarca Luca Lazzàro di Confagricoltura Puglia – che non remunera nemmeno i costi di produzione"

Foto Citynews

Il prezzo dell’olio d’oliva continua inesorabilmente a scendere: meno 20% in un anno, per questo motivo venerdì 22 novembre a Roma, nella sede del Ministero per le Politiche Agricole, il presidente di Confagricoltura Puglia Luca Lazzàro parteciperà all’incontro con il sottosegretario Giuseppe L’Abbate, assieme agli altri rappresentanti dei produttori olivicoli e dei frantoiani pugliesi.

“Bisogna trovare soluzioni e anche piuttosto in fretta – spiega Lazzàro -. L’entusiasmo legato all’ottima produzione di quest’anno, sebbene con l’amara eccezione del Salento colpito dalla Xylella, si è già praticamente spento. Siamo entrati in una crisi di prezzo di cui non vediamo la fine. Anzi – rimarca il presidente di Confagricoltura Puglia – la tendenza continua ad essere marcatamente negativa, giacché nella prima settimana di novembre si registrano già cali delle quotazioni all’origine di tutti gli olii di oliva, compreso l’extra vergine, di oltre il 20 per cento sia rispetto al mese di gennaio 2019 sia nel confronto con lo stesso periodo dello scorso anno”.

L’extravergine, infatti, viaggia a un prezzo medio di 4,29 euro al kg, contro i 5,48 di un anno prima: “Un prezzo – rimarca Lazzàro – che non remunera nemmeno i costi di produzione. In alcune zone del Barese c’è già chi pensa sia più conveniente lasciare le olive sull’albero piuttosto che raccoglierle, a maggior ragione dopo il maltempo e i danni della settimana scorsa”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il confronto sui tavoli romani, insomma, arriva in una fase delicatissima: “Abbiamo lanciato l’allarme – conferma Lazzàro – e ora chiediamo che il Ministero ci dia risposte efficaci. La crisi dell’olivicoltura ha tante facce e tutte note: il prezzo basso, la concorrenza del prodotto estero, i fondi europei incagliati, lo strapotere della grande distribuzione. Da L’Abbate, che è pugliese, ci aspettiamo un approccio concreto: non parole ma contenuti, strumenti da mettere in campo prima che sia troppo tardi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Positivo al Coronavirus, viola la quarantena ed esce per fare la spesa: barese beccato dai carabinieri

  • Tragedia a Bari: scende per ritirare la frutta, cade a terra e muore. "La versione dell'infarto non convince i figli"

  • Mascherine stampate in 3D con filtro intercambiabile, il progetto parla barese: "Stiamo partendo con la produzione"

  • Incendio all'alba in un ristorante a Bitritto, fiamme distruggono il 'Ranch'

  • Party di compleanno per i 18 anni nonostante i divieti coronavirus: in casa arriva la Polizia, scattano multe salatissime

  • Coronavirus in Puglia, 163 nuovi positivi: nel Barese registrato un decesso

Torna su
BariToday è in caricamento