Fondi del Psr 2014-2020 bloccati, 'in stallo' 35 milioni di euro: agronomi baresi insorgono contro Emiliano

La Regione ha revocato la sottomisura 4.1, quella relativa al "sostegno per investimenti materiali e immateriali finalizzati a migliorare la redditività, la competitività" delle imprese agricole

Giacomo Carreras (presidente Odaf Bari)

"Non si possono cambiare le regole del gioco, neppure ai supplementari": è Giacomo Carreras, presidente dell'Ordine dei dottori agronomi e dei dottori forestali della Provincia di Bari, a rappresentare il disappunto della categoria dopo il blocco delle risorse regionali sul Piano di sviluppo rurale 2014-2020. Misura che avrebbe dovuto assegnare 35 milioni di euro a favore delle imprese agricole e che su decisione del governatore Emiliano sono al momento inutilizzabili.

La Regione ha infatti revocato la sottomisura 4.1, quella relativa al "sostegno per investimenti materiali e immateriali finalizzati a migliorare la redditività, la competitività". Un blocco che per il presidente dell'Odaf Bari mette le istituzioni regionali a rischio di nuovi ricorsi, mentre agronomi e forestali baresi chiedono nuove misure il prima possibile. 

I dati: Regione Puglia ultima per spesa sostenuta in agricoltura

A confermarne la necessità sono i dati: l’ultimo report diffuso dal Ministero delle Politiche agricole (Mipaaf) sull’avanzamento della spesa pubblica dei diversi Programmi di sviluppo rurale 2014-2020 pone la Regione Puglia, capofila in agricoltura, all’ultimo posto per spesa sostenuta, con il 20,97%. L’aggiornamento formulato dall'Agenzia per le erogazioni in agricoltura (Agea) al 31 agosto scaraventa poi la Puglia in uno scenario ancora peggiore: infatti se l’avanzamento
di spesa si è portato al 21,71%, con un incremento in due mesi pari a solo lo 0,74%, il gap con le altre regioni è aumentato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Preme evidenziare - il commento di Carreras - che se da una parte qualcuno continua a percepire stipendi, gli altri, i professionisti e soprattutto gli imprenditori agricoli, guardano con angoscia al proprio futuro. D’altronde il lavoro di tanti dipende dalla buona volontà di questi ultimi. Questa non è civiltà
 e mi auguro che finalmente qualcuno possa trovare il coraggio di rimediare (semmai possibile) a tutta questa sequela di errori, senza addossarli come più volte è stato fatto, su noi tecnici che invece abbiamo solo dato seguito alle trasognanti attese che si erano create intorno a questa programmazione del Psr Puglia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' positivo al Covid ma va al lavoro al ristorante: scoperto 21enne, era in quarantena con l'intera famiglia

  • Il professor Lopalco ottimista sull'epidemia: "La prima ondata pandemica del covid-19 si è spenta"

  • Riaprono le regioni, da domani via libera agli spostamenti: obbligo di segnalazione per chi arriva in Puglia

  • Coronavirus 'scomparso'? L'epidemiologo Lopalco: "Siamo in una fase di circolazione endemica, nessun terrorismo ma occorre attenzione"

  • Quattordici marittimi della Costa Crociere ricoverati per covid ad Acquaviva: "Tutti asintomatici"

  • Il sindaco Antonio Decaro ospite da Mara Venier a Domenica In: "A Bari solo 56 contagiati. Pugliesi bravissimi nella fase 1"

Torna su
BariToday è in caricamento