Fallimento Mercatone Uno, prosegue il presidio dei lavoratori: "Rivogliamo il lavoro"

Striscioni, bandiere e volantini di protesta davanti al negozio del centro commerciale Barimax. Cento lavoratori rischiano il posto nel capoluogo dopo il fallimento della Shernon Holding

Prosegue la protesta a Bari per la vertenza del Mercatone Uno, dopo che il fallimento della società che aveva rilevato il colosso di arredamenti, aveva di fatto portato alla chiusura di tutti i negozi in Italia, tra cui quello del centro commerciale Barimax. Due giorni fa era partito il presidio dei circa 100 dipendenti impiegati nel negozio, con bandiere e cartelli per richiedere di non essere lasciati soli.

E mentre i giorni passano e dal Mise si cerca una soluzione per non lasciare senza stipendio le famiglie - e senza i mobili già acquistati i clienti - la protesta va avanti. Anche questa mattina un presidio dei lavoratori si è riunito davanti al negozio, dove svettano le bandiere dei sindacati e i grossi striscioni di protesta. "Rivogliamo il lavoro" recita uno di questi, scritto a caratteri cubitali su un telo bianco, mentre sulla porta a vetri sono stati appesi volantini che riassumono la storia della vertenza.

protesta mercatone uno-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per i lavoratori sono diverse le possibili vie d'uscita dal tunnel oscuro in cui sono entrati dopo il fallimento della Shernon Holding dichiarato ufficiale dal Tribunale di Milano. Tra le idee fuoriscite dall'incontro di ieri pomeriggio al Mise, c'è quella della cordata formata proprio dai fornitori per rilevare i negozi o una parte, oppure la 'retrocessione' della vendita, che consentirebbe di far ritornare i dipendenti ai vecchi contratti e di accedere così alla Cassa integrazione straordinaria. Tutte ipotesi seguite da vicino anche dalla task force apposita creata dalla Regione Puglia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Ero a fare le pelose" sul lungomare: scatta multa da 3mila euro. A Bari oltre 300 persone in quarantena

  • Positivo al Coronavirus, viola la quarantena ed esce per fare la spesa: barese beccato dai carabinieri

  • Stroncato dal coronavirus a 44 anni: l'addio di amici e colleghi per Luca Tarquinio Coletta, 'gigante buono' della Multiservizi

  • Nonno contagiato dal Coronavirus al San Paolo: in sette vivevano nell'appartamento da 60mq

  • Muore medico barese contagiato dal coronavirus: è la terza vittima in Puglia tra gli operatori sanitari

  • "I non residenti lascino casa per i controlli", nei condomini di Bari numerosi manifesti truffa: indaga la Polizia

Torna su
BariToday è in caricamento