Saldi: si parte il 2 luglio, le Regioni dicono sì alla data unica

A Bari e in tutta Italia i saldi estivi avranno inizio il primo sabato di luglio. Le Regioni hanno infatti approvato un indirizzo comune che stabilisce la partenza in contemporanea in tutta Italia per i saldi estivi e invernali

Saldi estivi al via il prossimo 2 luglio a Bari e in tutta Italia. Le Regioni hanno infatti detto sì alla data unica per l'avvio delle vendite a saldo invernali ed estive, stabilendo in un indirizzo comune approvato da tutti i presidenti. Si partirà quindi il primo giorno feriale dopo l'Epifania per i saldi invernali e il primo sabato di luglio per quelli estivi.
"Le singole Regioni - stabilisce l'indirizzo comune - si impegnano a dare seguito a tale decisione con propri atti". Sulla materia la competenza è infatti delle amministrazioni regionali che dovranno ora adattare le rispettive leggi regionali alla decisione presa (che non è comunque vincolante). Plaudono Confcommercio e Federdistribuzione che avevano avanzato la proposta sei mesi fa. "Ristabilisce un maggiore equilibrio concorrenziale, è un vantaggio per imprese e consumatori", dicono, auspicando che la decisione "divenga una effettiva realtà già a partire dalla prossima estate".

I SALDI A BARI
Una marea di sconti sarà presente in tutti gli outlet, boutique e centri commerciali per consentire a tutti di fare acquistare a prezzi ridotti, magari un capo d’abbigliamento che altrimenti non si potrebbe comprare, soprattutto in un periodo di crisi come questo. Così si apre la caccia all’offerta.
L’anno scorso 8 esercenti su 10, in base alle rilevazioni del Centro Studi dell’Ascom, si sono dichiarati soddisfatti sull’andamento delle vendite. Quest’anno si vedrà se la situazione è destinata a cambiare a causa della crisi economica. Come sempre è importante fare attenzione per evitare possibili raggiri, su questo si raccomanda la Confconsumatori, ricordando alcune regole basilari:

1.    Acquistare preferibilmente in negozi abituali o di fiducia.
2.    Confrontare possibilmente i prezzi tra diversi esercizi commerciali.
3.    Attenzione ai saldi superiori al 50%, potrebbe trattarsi di merce dell’anno precedente.
4.    E’ obbligatorio esporre sul cartellino il vecchio prezzo, la percentuale di sconto e il prezzo scontato.
5.    Conservare lo scontrino, perché costituisce prova d’acquisto che obbliga il commerciante a sostituire la merce difettosa o non conforme, anche se vi sono cartellini in mostra con la dicitura che i capi in saldo non si possono cambiare.
 

Potrebbe interessarti

  • Perchè le zanzare pungono proprio te?

  • Cos'è la Malmignatta e cosa fare in caso di morso

  • C'era una volta la 'Cialdèdde'

  • Come tenere puliti e privi di germi e batteri i bidoncini della spazzatura

I più letti della settimana

  • Domatore ucciso dalle tigri, la titolare del circo: "Non è stato sbranato, ferita accidentale"

  • Il quartiere Libertà piange Fransua: cordoglio e messaggi di ricordo sui social

  • Da Giovinazzo a Fesca trasportata dal mare mosso: gabbia per l'allevamento pesci recuperata dalla Guardia Costiera

  • Tornano i temporali: dodici ore di allerta 'gialla' sulla Puglia

  • In arrivo un'altra ondata di maltempo: allerta arancione per martedì, previsti temporali e grandine

  • Branco di lupi assalta allevamento nel Barese: "Decine di capre uccise"

Torna su
BariToday è in caricamento