A rischio 99 lavoratori della Solutions30 di Bitritto: "Inaccettabile imporre tagli di stipendio"

Presidio di 8 ore, organizzato da Fim, Fiom e Uilm contro la decisione assunta dalla società: "Abbiamo 75 giorni di tempo". L'azienda avrebbe proposto una riduzione del 30% degli stipendi

Il futuro di 99 lavoratori della sede di Bitritto dell'azienda Solutions30 Brsi è a rischio. La multinazionale francese con sede operativa in Italia, attiva nel settore dei servizi informatici alle aziende e per gli enti pubblici, ha avviato ler procedure per il licenziamento dell'intera pianta organica dello stabilimento nella cittadina barese. Sindacati e lavoratori hanno effettuato uno sciopero con presidio di 8 ore, organizzato da Fim, Fiom e Uilm contro la decisione assunta dalla società: "Abbiamo 75 giorni di tempo - spiega a BariToday Riccardo Falcetta, segretario barese UIlm - L'azienda ha chiesto una riduzione del 30% degli stipendi, un demansionamento di 2 livelli e un azzeramento del contratto integrativo. Tutto ciò non è accettabile". L'impatto, su retribuzioni da 1400-1500 consisterebbe in pesanti tagli da circa 500 euro in busta paga.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Disponibili al confronto ma servono prospettive"

I lavoratori interessati, circa 18 mesi fa, erano stati trasferiti da Dxc a Solutions30, con la garanzia, dice Falcetta, "che avrebbero avuto lo stesso trattamento economico per 5 anni. Otto mesi fa abbiamo chiesto un monitoraggio della situazione dell'azienda. Ci risposero che la situazione era positiva. Adesso ci dicono che i ricavi sono nettamente inferiori al costo del personale. Siamo meravigliati". La vertenza sarà al centro di un confronto in Confindustria Bari, il prossimo 24 ottobre: "Chiediamo - ribadisce Falcetta - l'apertura di un tavolo regionale. Da parte nostra c'è la possibilità a trovare un accordo ma devono esservi prospettive industriali di gran lunga superiori rispetto ai 3 anni che restano dall'accordo iniziale. D'altra parte, le attività di Brsi saturano il livello occupazione. Il lavoro e le commesse non mancano"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mamma e figlio rischiano di annegare per il mare agitato: militare barese si getta in acqua e li salva

  • 2000 euro a 60mila pugliesi: 'Start' dalla Regione a partite iva, lavoratori autonomi e professionisti a basso reddito

  • Lutto nel mondo dello spettacolo: addio a Teodosio Barresi, protagonista de LaCapaGira

  • Duemila euro per 60mila pugliesi: bando 'Start', da domani sarà possibile presentare domanda

  • Si schianta con l'auto e subisce un'emorragia, soccorsa da ambulanza di passaggio: "Salva per un presentimento"

  • Sfrecciano con l'auto sulla Statale 16: nel bagagliaio un monopattino del Comune di Bari, quattro denunciati per furto

Torna su
BariToday è in caricamento