Trenitalia riduce i treni notte, a rischio 45 dipendenti della Servirail

La società che gestisce il servizio di vetture letto e cuccette rischia la chiusura. L'11 dicembre scade l'appalto e l'azienda, in crisi, non potrà presentarsi alla nuova gara. I lavoratori chiedono di essere assorbiti nella nuova ditta appaltatrice o ricollocati in Trenitalia

La scelta di Trenitalia di razionalizzare l'offerta di treni notte a vantaggio dell'alta velocità comincia a far sentire i primi contraccolpi negativi sull'occupazione del settore. A farne le spese per primi sono i dipendenti della Servirail (ex Wagon Lits), la società che gestisce il servizio di sorveglianza e accompagnamento sui treni notturni per conto di Trenitalia. Secondo quanto riportato ieri dal Corriere del Mezzogiorno la sede barese della società, che conta attualmente 45 dipendenti, rischia di chiudere entro la fine dell'anno.

In realtà già in passato, precisamente a marzo, Trenitalia aveva annunciato l'intenzione di chiudere la sede. Una situazione che era stata poi risolta con la riattivazione di 18 carrozze cancellate e con il ricorso ai contratti di solidarietà. Adesso però la situazione sembra essere arrivata al limite. L'appalto biennale che ha affidato il servizio alla Servirail scade il prossimo 11 dicembre, ma l'azienda ha già fatto sapere di non poter accettare le condizioni offerte dal nuovo bando (il cui importo di 55 milioni di euro è praticamente dimezzato rispetto al bando precedente).

Di fronte a questa situazione, la richiesta dei 45 dipendenti è chiara: chiedono di poter essere assorbiti nella nuova ditta appaltatrice o di essere ricollocati all'interno di Trenitalia, visto che, sottolineano i lavoratori, le competenze acquisite  durante il servizio con Servirail sono in molti aspetti simili a quelle del personale che opera in Trenitalia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il professor Lopalco ottimista sull'epidemia: "La prima ondata pandemica del covid-19 si è spenta"

  • "Se mi riprendi ti butto a mare": giornalista e operatore Rai aggrediti sul lungomare mentre filmavano gli assembramenti

  • Vieni a ballare in Puglia: verso la riapertura delle discoteche all'aperto

  • Quattordici marittimi della Costa Crociere ricoverati per covid ad Acquaviva: "Tutti asintomatici"

  • Coronavirus, al via i test sierologici gratuiti per l'indagine nazionale: 27 i Comuni della provincia di Bari coinvolti

  • Il sindaco Antonio Decaro ospite da Mara Venier a Domenica In: "A Bari solo 56 contagiati. Pugliesi bravissimi nella fase 1"

Torna su
BariToday è in caricamento