Ciliegie strappate dai rami e teloni spazzati via dalla furia del vento: nelle campagne si contano i danni

Nelle zone di Conversano, Castellana, Santeramo, Putignano, Gioia del Colle, Cassano, Casamassima, Turi pesanti i danni provocati dalle violente raffiche di scirocco. Coldiretti: "Azzerata la produzione di ciliegie"

"Trombe d'aria con raffiche di vento oltre i 25 nodi", che in provincia di Bari hanno fortemente colpito produzioni di ciliegie e vigneti, con "milioni di euro di danni". A lanciare l'allarme sui danni provocati dal violento scirocco che ieri si è abbattuto sul Barese, è la Coldiretti Puglia, che sta chiedendo l’attivazione delle verifiche tecniche da parte dell’Assessorato regionale all’Agricoltura per la dichiarazione di stato di calamità, dopo le gelate del marzo scorso che avevano già causato la perdita del 70% delle ciliegie primizie Bigarreau.

Pesanti i danni - secondo quanto riferisce l'associazione - nelle zone di Conversano, Castellana, Santeramo, Putignano, Gioia del Colle, Cassano, Casamassima, Turi. Situazione analoga anche per i vigneti di uva da tavola, "con i mulinelli di vento che stanno addirittura sollevando i vigneti da terra e le trombe d’aria stanno spazzando via teloni e tralci con epicentro tra Rutigliano e Noicattaro".

"Ennesima campagna disastrosa in Puglia per le ciliegie, dove tra, la culla della produzione italiana di primizie Bigarreau, Giorgia e Ferrovia, ha prima subito le gelate che a marzo hanno bruciato i fiori sugli alberi, compromettendo la produzione e nelle ultime ore è piegata da trombe d’aria e mulinelli di vento che stanno strappando via dagli alberi le ciliegie, già pronte per la raccolta", denuncia Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia.

La produzione regionale pugliese risulta concentrata nella provincia di Bari che da sola rappresenta il 96,4% della produzione totale regionale, riferisce Coldiretti Puglia. Con le sue 47 mila tonnellate la provincia di Bari è la prima provincia italiana per produzione di ciliegie raccogliendo il 34% della produzione nazionale e la produzione di ciliegie in Puglia è pari al 39,8% del totale nazionale. La graduatoria dei prodotti agricoli pugliesi nel contesto nazionale – aggiunge Coldiretti Puglia -  vede al primo posto anche le ciliegie con una superficie di quasi 20.000 ettari, di cui oltre 17.000 della sola provincia di Bari, la quale copre più dell’85% della superficie investita.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’agricoltura pugliese per effetto dei cambiamenti climatici – aggiunge Coldiretti Puglia - ha perso più di 3 miliardi di euro nel corso del decennio tra produzione agricola, strutture e infrastrutture rurali.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si chiama ''1997 BQ'' ed è il gigantesco asteroide in avvicinamento alla Terra

  • Incidente mortale sulla SS100: impatto camion-auto, strada chiusa al traffico

  • In Puglia 27 nuovi casi di Coronavirus, Lopalco rassicura sull'impennata dei contagi: "Numeri riferiti a periodi precedenti"

  • Le Frecce Tricolori tornano a Bari: il 28 maggio tappa del 'Giro d'Italia' per le vittime del Covid-19

  • Coronavirus, in Puglia otto nuovi positivi: sette casi sono in provincia di Bari

  • Bollettino Coronavirus, 10 nuovi casi in Puglia: nessun nuovo positivo o decesso nel Barese

Torna su
BariToday è in caricamento