Park & Ride anche in Via Manzoni, la ricetta anti-crisi dei commercianti

Il presidente dell'associazione commercianti Angarano chiede al Comune interventi rapidi che riguardino la mobilità per salvare la via dello shopping nel quartiere Libertà

Via Manzoni lancia un disperato appello a fronte delle molte attività che negli ultimi anni si sono viste chiudere in quella che era una strada simbolo dello shopping nel quartiere Libertà e più in generale di tutta la città di Bari. “Non siamo qui a fare soltanto il necrologio di una strada, ma vogliamo parlare di tutte quelle attività che sono ancora presenti in via Manzoni e che resistono” spiega a Bari Today Vincenzo Angarano, presidente dell’associazione 'commercianti di via Manzoni e dintorni' che con circa una cinquantina di iscritti si fa portavoce delle necessità dei commercianti della zona.

“Noi siamo imprenditori e vorremmo occuparci solo di quello - continua Angarano - ma ci ritroviamo a dover interessarci del degrado, dei problemi della mobilità. Sono ormai anni che la nostra associazione aveva messo sull'avviso gli amministratori comunali sui rischi che potevano derivare dal piano di mobilità della città”.

“La situazione di via Manzoni è ora sotto gli occhi di tutti – spiega il presidente dell'associazione commercianti - la via è isolata e ne paghiamo le spese. È necessario ricongiungerla con il resto della città perché è una realtà commerciale ancora viva, ma che vive un momento più difficile delle altre. Chiediamo che sia riconsiderata la mobilità, sia la questione del traffico veicolare che quella dei mezzi pubblici”.

Da tempo sosteniamo la necessità di una fermata aggiuntiva nel percorso del Park & Ride all'altezza della chiesa di San Francesco a Piazza Garibaldi - aggiunge - ma ci era stato detto che non era possibile allungare il percorso, pena l'efficienza del sistema. Purtroppo così si è difatti data una spallata commerciale al quartiere. Sarebbe auspicabile inoltre il ripristino del senso di marcia in via Pizzoli che era il naturale accesso a via Manzoni dal lungomare e che negli ultimi anni è stato invertito. Noi stiamo facendo tutti gli sforzi e non solo con la pubblicità a nostre spese; abbiamo ottenuto dal 20 dicembre scorso, anche grazie ad Amtab l'attivazione della navetta elettrica Murattiano/Manzoni. Questo non basta – conclude Angarano - il primo cittadino in una riunione che si è tenuta la scorsa settimana nella sale della chiesa del Redentore si è mostrato vicino alla questione, ma quello che chiediamo sono degli interventi rapidi, è necessario che il servizio pubblico si pieghi alla necessità sociale”.

Potrebbe interessarti

  • Le tignole mangiano il guardaroba: i rimedi per eliminarle dal nostro armadio

  • Lattosio e intolleranza: come riconoscere i sintomi

  • Bocca in fiamme per il peperoncino? I rimedi per togliere il bruciore

  • Dolce al palato e ricco di proprietà: i benefici del fico

I più letti della settimana

  • "Le urla, poi quel bimbo adagiato sugli scogli: in quel momento abbiamo pensato solo a ciò che potevamo fare"

  • Scomparso da due giorni a Modugno: 52enne ritrovato senza vita

  • Schianto in autostrada al rientro dalle vacanze: muore uomo di Bitritto, grave la moglie

  • Weekend del 24 e 25 agosto: tutti gli eventi a Bari e provincia

  • Tentato omicidio Gesuito in zona Cecilia, arrestato il boss Andrea Montani: "Agì per vendicare morte del figlio"

  • Da Bari a Casamassima per rapinare una farmacia, ma la polizia è sulle loro tracce: colpo sventato, tre in manette

Torna su
BariToday è in caricamento